È vero che per i single è più facile prendere il reddito di cittadinanza?

L'INPS certifica il massiccio utilizzo del Reddito di Cittadinanza da parte dei single. Ecco i requisiti e quanto spetta.

di , pubblicato il
L'INPS  certifica il massiccio utilizzo del Reddito di Cittadinanza da parte dei single. Ecco i requisiti e quanto spetta.

Il Reddito di Cittadinanza 2021 è una misura di sostegno economico che consente di trovare lavoro, permettendo di integrare il reddito del proprio nucleo familiare.

Il Reddito di Cittadinanza ha la finalità di migliorare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, contrastare la povertà e le disuguaglianze e aumentare l’occupazione.

Rispondiamo ad un quesito pervenuto alla redazione di Investire Oggi:

“Buongiorno, sono un uomo disoccupato di 35 anni e sono attualmente single, vivo da solo in una casa in affitto e ho i requisiti necessari per beneficiare del Reddito di Cittadinanza. Essendo single è più facile prendere il Reddito di Cittadinanza? L’importo accreditato sulla card è maggiore? Grazie per la risposta”.

Reddito di Cittadinanza: va più ai single che alle famiglie numerose

L’INPS – con l’Osservatorio sul Reddito di Cittadinanza sul mese di luglio 2021 – certifica il massiccio utilizzo del sussidio economico da parte dei single, ovvero delle famiglie con un solo componente.

Nel mese di luglio 2021 sono 1,37 milioni i nuclei beneficiari con la città di Napoli sempre capolista.

Nei primi sei mesi del 2021 i nuclei beneficiari di almeno una mensilità sono già 1,6 milioni per un totale di 3,7 milioni di persone coinvolte.

L’importo medio erogato nel mese di Giugno 2021 è stato di 551 euro con un differenziale assoluto di 315 euro tra l’importo RdC e l’importo PdC.

L’entità del Reddito di Cittadinanza per un single, rapportata al Pil pro capite del paese, collocherebbe l’Italia al sesto posto in Europa a poca distanza dai paesi nordici e ben al di sopra di Francia, Germania e Spagna.

La collocazione del Belpaese peggiora man mano che cresce la dimensione famigliare che viene presa a riferimento per il confronto.

La normativa in materia di Reddito di Cittadinanza prevede che la sussistenza dei requisiti anagrafici, economici, patrimoniali e di compatibilità in sede di istruttoria ed in occasione di ogni rinnovo mensile.

Reddito di Cittadinanza: quali sono i requisiti necessari?

Rispondendo al quesito posto dal nostro lettore ricordiamo che per beneficiare del Reddito di Cittadinanza è necessario essere in possesso di determinati requisiti:

  • ISEE inferiore ai 9.360 euro. Questo indicatore tiene conto del reddito, del patrimonio e della composizione familiare,
  • reddito inferiore ai 6.000 euro per un single, poi parametrato secondo la scala di equivalenza, al crescere della dimensione del nucleo familiare. La soglia sale a 9.360 euro nel caso il nucleo familiare risieda in una casa in affitto,
  • patrimonio immobiliare inferiore ai 30.000 euro,
  • patrimonio mobiliare inferiore ai 6.000 euro,
  • nessun componente del nucleo familiare deve essere intestatario di autoveicoli immatricolati nei 6 mesi precedenti la richiesta di erogazione del Reddito di Cittadinanza,
  • nessun componente deve possedere navi e imbarcazioni da diporto,
  • nessun componente del nucleo familiare deve possedere auto con cilindrata superiore ai 1600cc e motocicli con cilindrata superiore ai 250cc acquistati nei due anni precedenti la richiesta di erogazione del sussidio.

La durata massima dell’erogazione del reddito è di 18 mesi con possibilità di rinnovo.

Reddito di Cittadinanza: quanto spetta ai single?

Ad ogni single è riconosciuta un’integrazione fino al raggiungimento dei 6.000€ annui. Nel caso in cui il single abbia un reddito pari a zero, avrà diritto all’integrazione piena pari a 500€ mensili.

Argomenti: