Donazione immobiliare: quale regime fiscale si applica

Donazione immobiliare atto a titolo gratuito ma su cui si pagano le imposte. Tutto quello che occorre sapere

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Donazione immobiliare atto a titolo gratuito ma su cui si pagano le imposte. Tutto quello che occorre sapere

Donazione immobiliare. Tutto quello che c’è da sapere sul regime fiscale di imposizione dell’atto che , a titolo gratuito, concede il godimento di un immobile ad un altro soggetto.

 Donazione immobiliare

Innanzitutto si ricorda ce di norma un immobile si può ricevere, per diversi motivi, ossia per atto di compravendita, successione, nonchè per donazione. La donazione immobiliare è un atto con cui un soggetto, a titolo gratuito, dona letteralmente un immobile ad un altro. Ma donazione a titolo gratuito non significa che non debbano essere pagate le imposte.

Imposta donazione immobiliare

Dal punto di vista fiscale allora, anche le donazioni e gli atti di trasferimento a titolo gratuito degli immobili sono soggetti a imposizione, come abbiamo detto poc’anzi, e le aliquote da utilizzare per determinare l’imposta sono le stesse previste per le successioni e variano in funzione del rapporto di parentela intercorrente tra il donante e il beneficiario.

L’’aliquota dell’imposta sulla donazione immobiliare è così determinata:

  • un 4% per il coniuge ed i parenti in linea retta, da calcolare sul valore eccedente, per ciascun erede, 1.000.000,00 di euro
  • un 6% per fratelli e sorelle, da calcolare sul valore eccedente, per ciascun erede, 100.000 euro
  • un 6% sul valore totale per tutti gli altri parenti fino a quarto grado se affini in linea retta o fino al terzo grado se affini in linea collaterale
  • un 8% sul valore totale per tutte le altre persone.

Tasse donazione immobiliare

Essendo che la donazione immobiliare, dal punto di vista fiscale, segue le stesse regole previste per la successione, anche nel caso di donazione di immobili, vanno versate altre tasse. Queste altre tasse sono l’imposta ipotecaria, pari al 2% del valore dell’immobile, nonché l’imposta di registro, pari all’1% del valore dell’immobile.  Da ultimo, si sottolinea anche che in merito alle donazioni immobiliari, equivalenti alla prima casa, valgono le stesse agevolazioni concesse per le successioni. In sostanza, invece che applicare le citate percentuali sul valore dell’immobile, il beneficiario pagherà le imposte ipotecaria e catastale nella misura fissa di 168 euro ciascuna.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Donazione e Successione