Domanda pensione quota 41 precoci per disoccupati: l’iter

Pensione quota 41 precoci da disoccupato o come gravoso? Vediamo l'iter da seguire in entrambi i casi.

di , pubblicato il
quota-100-pensioni-anticipata

Buongiorno, Le chiedo gentilmente di aiutarmi a capire quando potrò fare domanda di pensione.

A Luglio 2019 compirò 58 anni, sono lavoratore precoce con 40 di contributi al 31/12/2018. Dal 1995 svolgevo mansione gravosa (autista di camion mezzi pesanti) dal 07/01/2019 causa licenziamento collettivo sono in regime di NASPI. Quindi al 15/12/2019 maturerei i 41 anni di contribuzione, è possibile fare domanda di pensione o si deve esaurire totalmente la Naspi e di conseguenza aspettare il 31/12 /2020??

La ringrazio anticipatamente per la sua risposta.

Quota 41 disoccupati

La quota 41 per lavoratori precoci prevede requisiti precisi per l’accesso e richiede nello specifico:

  • 41 anni di contributi maturati
  • 12 mesi di contributi versati prima del compimento dei 19 anni di età
  • per quel che riguarda i lavoratori disoccupati stato di disoccupazione a seguito di cessazione del rapporto di lavoro per licenziamento, anche collettivo, dimissioni per giusta causa o risoluzione consensuale nell’ambito della procedura di cui all’articolo 7 della legge 15 luglio 1966, n. 604 e conclusione integrale della prestazione per la disoccupazione da almeno 3 mesi.

Non basta, quindi, che esaurisca la Naspi, ma deve attenderla di averla esaurita da almeno 3 mesi per essere in possesso dei requisiti richiesti per l’accesso.

Quota 41 gravosi

Se, invece, vuole accedere come lavoratore gravoso è richiesto che abbia svolto l’attività lavorativa cd. gravosa per almeno sette anni negli ultimi 10 anni di attività lavorativa, ovvero, per almeno sei anni negli ultimi sette anni di attività lavorativa:

  • operai dell’industria estrattiva, dell’edilizia e della manutenzione degli edifici;
  • conduttori di gru o di macchinari mobili per la perforazione nelle costruzioni;
  • conciatori di pelli e di pellicce;
  • conduttori di convogli ferroviari e personale viaggiante;
  • conduttori di mezzi pesanti e camion;
  • personale delle professioni sanitarie infermieristiche ed ostetriche ospedaliere con lavoro organizzato in turni;
  • addetti all’assistenza personale di persone in condizioni di non autosufficienza;
  • insegnanti della scuola dell’infanzia ed educatori degli asili nido;
  • facchini, addetti allo spostamento merci ed assimilati;
  • personale non qualificato addetto ai servizi di pulizia;
  • operatori ecologici ed altri raccoglitori e separatori di rifiuti;
  • operai dell’agricoltura, della zootecnia e della pesca;
  • pescatori della pesca costiera, in acque interne, in alto mare, dipendenti o soci di cooperative;
  • lavoratori del settore siderurgico di prima e seconda fusione e lavoratori del vetro addetti a lavori ad alte temperature non già ricompresi nella normativa del decreto legislativo n.
    67 del 2011;
  • marittimi imbarcati a bordo e personale viaggiante dei trasporti marini e in acque interne.

In questo caso, se ha almeno 7 anni di mansione gravosa negli ultimi 10 anni di attività lavorativa prima della domanda di pensione, può interrompere la Naspi per accedere alla quota 41 tenendo presente che dalla maturazione dei requisiti dovrà attendere 3 mesi per la decorrenza della pensione.

Iter di richiesta accertamento quota 41

Nel primo caso, da disoccupato, dovrebbe attendere il 31/3/2021 con decorrenza della pensione il 1 aprile 2021. Nel secondo caso dovrebbe attendere il 15/3/2020 con decorrenza della pensione il 1 aprile 2020.

Per accedere al beneficio della riduzione del requisito contributivo per lavoratori precoci è necessario presentare una domanda di riconoscimento del beneficio entro il 1° marzo di ciascun anno e solo in caso di esito positivo, anche a seguito di verifica della relativa copertura finanziaria, presentare la domanda di pensione anticipata.

Come disoccupato dovrebbe presentare domanda di riconoscimento entro il 1 marzo 2021, come gravoso entro il 1 marzo 2020.

 

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,