Accesso ai documenti dell’Agenzia delle Entrate, ecco le nuove modalità

L’ADE, con un recente provvedimento, disciplina i criteri e le modalità per l’accesso ai propri documenti. Vediamo meglio di cosa si tratta.

di , pubblicato il
L’ADE, con un recente provvedimento, disciplina i criteri e le modalità per l’accesso ai propri documenti. Vediamo meglio di cosa si tratta.

L’Agenzia delle entrate, con il provvedimento n. 280693 del 4 agosto 2020: “Disposizioni in materia di accesso documentale, accesso civico semplice e accesso civico generalizzato”, illustra le modalità per l’accesso ai documenti della stessa ADE.

In particolare, vengono disciplinati i criteri e le modalità per i seguenti 3 tipi di accesso:

  • documentale;
  • civico semplice;
  • civico generalizzato.

L’Ade specifica che: “l’accesso si esercita con riguardo ai dati e ai documenti formati o detenuti dall’Agenzia al momento della richiesta. L’Agenzia non è tenuta ad elaborare dati in proprio possesso al fine di soddisfare le richieste di accesso”.

Accesso documentale

L’accesso documentale è il diritto, riconosciuto a tutti i soggetti privati o pubblici direttamente interessati, di prendere visione e di estrarre copia di documenti amministrativi detenuti dall’Agenzia.

La richiesta di accesso è presentata alla Struttura dell’Agenzia che ha formato il documento o che lo detiene stabilmente. L’istante deve motivare la richiesta e indicare nella domanda: i propri dati identificativi, l’interesse diretto concreto ed attuale, gli estremi del documento oggetto della richiesta di accesso e/o gli elementi che ne consentono l’individuazione.

Il richiedente deve, inoltre, indicare il canale di risposta prescelto:

  • posta elettronica standard o Pec;
  • sede o sportello dell’amministrazione deputati alla consegna dei documenti ed alla riscossione dei relativi diritti di riproduzione.

Accesso civico semplice

L’accesso civico semplice è il diritto di richiedere documenti, informazioni e dati oggetto di pubblicazione obbligatoria, qualora la stessa non sia stata rinvenuta sul sito internet dell’Agenzia (www.agenziaentrate.gov.it).

Chiunque può chiedere dati, documenti e informazioni oggetto di pubblicazione obbligatoria e non occorre alcuna motivazione.

La domanda può essere redatta utilizzando l’apposito modello presente nella sezione “Amministrazione trasparente – Altri contenuti – Accesso civico – Accesso civico semplice” del sito internet dell’Agenzia. La richiesta può essere inoltrata all’indirizzo di posta elettronica: [email protected] o, comunque, a mezzo posta, fax o a mano, gli indirizzi indicati nel sito dell’Agenzia.

Accesso civico Generalizzato

L’accesso civico generalizzato, sostanzialmente, è riconosciuto “allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche e di promuovere la partecipazione al dibattito pubblico e attribuisce a chiunque il diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dall’Agenzia”.

La richiesta può essere presentata da chiunque in via telematica, a mezzo posta, fax o a mano all’Ufficio competente.

La richiesta può essere formulata utilizzando l’apposito modello, reperibile presso gli uffici o sul predetto sito dell’Agenzia, accedendo alla pagina “Altri contenuti – Accesso civico – Accesso civico generalizzato” della sezione “Amministrazione Trasparente”.

Approfondimenti

Altro su Agenzia delle Entrate;

Coronavirus: sono aperti gli uffici Inps e Agenzia delle Entrate?

Argomenti: ,