Disoccupazione NASpI 2015: come presentare la domanda | Circolare INPS

Come si deve presentare domanda per poter fruire della disoccupazione NASpI 2015? Quale è il termine entro cui presentare domanda?

di , pubblicato il
Come si deve presentare domanda per poter fruire della disoccupazione NASpI 2015? Quale è il termine entro cui presentare domanda?

Con la circolare numero 94 del 12 maggio 2015 l’Inps cerca di chiarire tutti i dubbi e le perplessità circa la NASpi e nel farlo da anche ulteriori chiarimenti sul come presentare domanda di disoccupazione. Per poter fruire della NASpI i lavoratori che possiedono i requisiti devono presentare domanda, esclusivamente in via telematica, entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro. E’ possibile presentare domanda in 3 diverse modalità:

  •  Dal portale dell’INPS tramite il PIN dispositivo il lavoratore può presentare domanda in autonomia:
  •  Patronati: attraverso i servizi telematici che offrono
  •  Con i Conctat Center dell’INPS al numeri 803164 per telefoni fissi e al numero 06164164 per reti mobili

A partire da quando decorre il termine dei 68 giorni entro cui presentare la domanda per la NASpI? Nelle istruzioni per la presentazione della domanda è chiaro che il termine di decadenza di presentazione della domanda è a 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro.

L’INPS nella circolare chiarisce però alcuni punti che riguardano questo termine:

  •  Maternità: se nel corso dei 68 giorni insorge un evento di maternità indennizzabile il termine di presentazione della domanda è sospeso per un periodo pari alla durata della maternità indennizzata. La parte residua del conteggio dei 68 giorni riprende con il termine del periodo di maternità indennizzata;
  •  Se nel corso di 60 giorni dalla cessazione del rapporto a tempo indeterminato sopraggiunge un evento di malattia indennizzabile dall’Inps o un infortunio sul lavoro indennizzabile dall’INAIL il termine di presentazione della domanda rimane sospeso per un periodo pari alla durata dell’evento di malattia indennizzato o di infortunio sul lavoro/malattia professionale e riprende a decorrere, al termine del predetto evento, per la parte residua.
  •  Per eventi di maternità il cui periodo indennizzato ha avuto inizio durante il lavoro successivamente cessato il periodo dei 68 giorni decorre dalla data di cessazione della maternità
  •  Per eventi di malattia o infortunio sul lavoro insorti durante il rapporto di lavoro successivamente cessato i 68 giorni iniziano a decorre dal termine dei periodi indennizzati
  •  data di definizione della vertenza sindacale o data di notifica della sentenza giudiziaria (si precisa che il riferimento deve essere sempre inteso alla sentenza di un giudizio di merito nulla influendo al nostro fine eventuali ordinanze in esito ad azioni cautelari intentate dal lavoratore);
  •  data di fine del periodo corrispondente all’indennità di mancato preavviso ragguagliato a giornate;
  •  trentesimo giorno successivo alla data di cessazione a seguito di licenziamento per giusta causa.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: