Dipendenti pubblici, al via anticipo TFR fino a 45.000 euro: ecco come richiederlo

Dal 18 novembre 2020 può essere presentata la domanda per richiedere Anticipo TFR: ecco come richiederlo.

di , pubblicato il
Dal 18 novembre 2020 può essere presentata la domanda per richiedere Anticipo TFR: ecco come richiederlo.

Dal 18 novembre è partito l’anticipo TFR dipendenti pubblici fino a 45.000 euro: l’Istituto di Previdenza ha pubblicato sul sito istituzionale le circolari con le istruzioni che ogni dipendente deve seguire per richiederlo.

L’anticipo TFR dipendenti pubblici può essere richiesto fino a massimo di 45.000 euro attraverso le banche, alle quali l’INPS assicura l’agibilità della garanzia a supporto dell’anticipo.

Anticipo TFR dipendenti pubblici fino a 45.000 euro: i chiarimenti dell’INPS

A partire dal 18 novembre è possibile presentare la domanda all’INPS secondo le istruzioni riportate nella Circolare n. 131 e con il messaggio INPS n. 4315 del 17 novembre.

Possono chiedere l’anticipo TFR:

  • i soggetti che accedono prima del 29 gennaio 2020 al trattamento previdenziale,
  • i dipendenti delle amministrazioni pubbliche di cui all’art. 1, co. 2 del D.Lgs. n. 165/2001;
  • il personale degli enti pubblici di ricerca, cui è erogata Quota 100.

I soggetti interessati possono presentare richiesta di finanziamento di una somma pari all’importo dell’indennità di TFS maturata.

Il dipendente pubblico deve richiedere all’amministrazione per la quale lavora o all’INPS la certificazione del diritto all’anticipazione TFR.

Se il trattamento è erogato direttamente dall’ente pubblico per il quale lavora la domanda di certificazione del diritto all’anticipazione TFR sarà presentata seguendo le indicazioni fornite dal proprio datore di lavoro.

Nel caso in cui l’anticipazione TFR sia erogato dall’INPS, la domanda dovrà essere presentata secondo le istruzioni indicate nell’apposita sezione del portale dell’INPS.

Domanda Anticipo TFR Dipendenti Pubblici: quando presentare l’istanza?

Dal 18 novembre 2020 può essere presentata la domanda per richiedere Anticipo TFR: la certificazione rilasciata dall’INPS, insieme a tutti i documenti richiesti, permette di accedere a finanziamenti fino ad un massimo di 45.000 euro netti.

La domanda di certificazione del diritto all’anticipo TFR deve essere presentata dal richiedente all’INPS o ad un Ente pubblico.

Il richiedente presenta la domanda di anticipo TFR alla banca con allegati questi documenti:

  • la dichiarazione sullo stato di famiglia;
  • la certificazione del diritto al TFR e del relativo ammontare complessivo;
  • la proposta di contratto di anticipo TFR debitamente sottoscritta dallo stesso richiedente.

Domanda Anticipo TFR Dipendenti Pubblici: come presentarla?

Come presentare la Domanda Anticipo TFR Dipendenti Pubblici? Si può presentare la domanda anticipo TFR in completa autonomia.

Basta essere in possesso delle credenziali di accesso al sito dell’INPS: PIN INPS, CIE o CNS, Spid di livello 2, scrivere nell’apposito spazio di ricerca “Quantificazione”, “Richiesta quantificazione TFR per dipendenti pubblici e dichiarazione beneficiari/eredi per liquidazione TFR – Domanda” > “Quantificazione TFR”.

In alternativa è possibile presentare la domanda anche tramite un Patronato.

Argomenti: , ,