Dimissioni telematiche: novità sulla gestione delle deleghe

Il Ministero del Lavoro ha dovuto apportare alcune modifiche relativamente alla procedura telematica per le dimissioni volontarie e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.

di , pubblicato il
Il Ministero del Lavoro ha dovuto apportare alcune modifiche relativamente alla procedura telematica per le dimissioni volontarie e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.

Il Ministero del lavoro e delle Politiche sociali, con la nota n. 3575 del 9 novembre 2020, rende note alcune importanti novità in merito all’utilizzo della procedura telematica per le dimissioni volontarie e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.

La segnalazione del Garante per la protezione dei dati personali

A seguito di alcune indicazioni provenienti dal Garante per la protezione dei dati personali, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha dovuto apportare alcune modifiche relativamente alla procedura telematica per le dimissioni volontarie e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.

Questa richiesta ha pertanto introdotto due nuove funzionalità:

  1. La prima, già operativa, consente ad un operatore rappresentante di un soggetto abilitato di poter consultare esclusivamente le dimissioni inviate personalmente o di ricercarle solo attraverso l’inserimento di uno specifico codice rilasciato al momento della comunicazione.
  2. La seconda, operativa a partire dal 15 novembre, prevede la sottoscrizione di una delega che il lavoratore e l’operatore che lo assiste dovranno sottoscrivere prima della comunicazione di dimissione (o risoluzione consensuale o revoca) telematica.

Nuovo iter per gli operatori

A seguito delle modifiche sopra descritte, ciascun operatore dovrà:

  1. scaricare dalla homepage dell’applicazione un modulo PDF con i propri dati identificativi preimpostati;
  2. stampare il modulo, indicare i dati anagrafici del lavoratore e procedere con la sottoscrizione, da parte di entrambi;
  3. procedere con la compilazione del modulo di dimissioni volontarie/risoluzione consensuale/revoca;
  4. digitare in un nuovo campo il codice PIN a 13 cifre numeriche mostrato nella delega cartacea sotto il codice a barre (nell’angolo in alto a destra). Questa funzione è necessaria per passare al punto successivo
  5. richiedere il salvataggio del modulo di dimissioni volontarie/risoluzione consensuale/revoca.

Ad ogni modo, il codice PIN:

  • sarà valido nel solo giorno di emissione;
  • sarà utilizzabile per il salvataggio di un solo modulo di dimissioni volontarie/risoluzione consensuale/revoca;
  • a fonte di più richieste al portale di produzione di un modulo di delega cartacea sarà sempre proposto lo stesso codice PIN fino a quanto lo stesso non sia utilizzato per il salvataggio di un modulo di dimissioni volontarie/risoluzione consensuale/revoca.

Sarà responsabilità dell’operatore del soggetto abilitato conservare la delega cartacea sottoscritta dal lavoratore e collegata al modulo di dimissioni volontarie/risoluzione consensuale/revoca trasmesso.

Articoli correlati

Smart Working e innovazione: che cosa pensano i manager del lavoro agile

“Io lavoro” al via: bonus Inps fino a 8.000 euro per chi assume

Ristoranti e bar al tracollo: uno stop che vale 350mila posti di lavoro

Argomenti: ,