Dichiarazioni precompilate per quasi 4 milioni di contribuenti nel 2020, ma attenzione alle prossime scadenze

La dichiarazione dei redditi precompilata piace sempre di più. Raggiunta quota 3,9 milioni nel 2020.

di , pubblicato il
modello 730

Sono 3,9 milioni le dichiarazioni precompilate inviate dai contribuenti in totale autonomia, con pochi click, direttamente dal proprio pc.

Questo è quanto reso noto dall’Agenzia delle Entrate con un comunicato del 10 ottobre 2020.

Un dato decisamente incoraggiante. Solamente 5 anni fa il numero di tali dichiarazioni non raggiungeva nemmeno 1,5 milioni.

Modello 730 e Modello Redditi precompilato

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione la dichiarazione dei redditi precompilata sia per chi presenta il modello 730 sia per chi presenta il modello Redditi.

In sostanza, con le precompilate, il Fisco raccogliere i dati del contribuente e li elabora, fornendo una dichiarazione già completa.

I lavoratori dipendenti e pensionati interessati possono accettare il modello 730 così come proposto oppure possono modificarlo/integrarlo prima dell’invio.

I contribuenti interessati al modello Redditi precompilato, invece, possono modificarlo/integrarlo e infine inviarlo all’Agenzia delle Entrate.

Il contribuente non è comunque obbligato a utilizzare la dichiarazione dei redditi precompilata. Può, infatti, presentarla con le modalità ordinarie.

Precompilata 2020, ecco i numeri

La dichiarazione dei redditi “fai da te” piace sempre di più.

Sono 3,9 milioni le dichiarazioni precompilate inviate dai contribuenti in totale autonomia nel 2020, contro 1,4 milioni di modelli inviati dai contribuenti nel 2015 (anno in cui è stato introdotto questo sistema).

Al top delle regioni si collocano:

  1. Lombardia (925 mila dichiarazioni inviate);
  2. Lazio (466 mila dichiarazioni);
  3. Veneto (402 mila);
  4. Piemonte (342 mila).

Attenzione alle prossime scadenze

Ecco le prossime scadenze da tenere d’occhio:

  • 26 ottobre scade il termine per presentare il 730 integrativo, un’opzione possibile solo se l’integrazione comporta un maggiore credito, un minor debito o un’imposta invariata.
  • Il 10 novembre è l’ultimo giorno utile per la presentazione del 730 correttivo di tipo 2 direttamente tramite l’applicazione web;
  • il 30 novembre è la scadenza per la presentazione del modello Redditi precompilato e per inviare il modello Redditi correttivo del 730.

Articoli correlati

Detrazione e deduzione: conosciamo le differenze?

Che cosa posso detrarre comprando con la mia partita iva?

Argomenti: ,