Dichiarazione Tarsu da acquisire con la dichiarazione di residenza

Dichiarazione Tarsu segue la dichiarazione di residenza al fine di scovare gli evasori. La novità con il decreto semplificazioni bis

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Dichiarazione Tarsu segue la dichiarazione di residenza al fine di scovare gli evasori. La novità con il decreto semplificazioni bis
La dichiarazione Tarsu si acquisirà insieme alla dichiarazione di cambio di residenza

Dichiarazione Tarsu e dichiarazione di residenza. La dichiarazione sulla tassa sui rifiuti, che dal prossimo anno sarà sostituita dalla Tares o Res, segue la dichiarazione di cambio di residenza.

Dichiarazione Tarsu e dichiarazione di residenza

E’ nel decreto semplificazione 2.0, recentemente approvato dal Governo Monti che si introduce una disposizione riguardante gli adempimenti connessi al cambio della residenza o del domicilio. Nell’ottica proprio della semplificazione burocratica, oltra alla classificazione delle categorie di attività o alla disciplina delle riduzioni tariffarie, il comune dovrà prevedere le modalità con le quali contestualmente alla dichiarazione di residenza, o meglio del cambio di residenza o del domicilio del contribuente, venga acquisita anche la dichiarazione Tarsu, ossia la dichiarazione i di iscrizione, variazione o cessazione relative al tributo, con riferimento alle unità abitative coinvolte dalla variazione anagrafica.

Tares al posto della Tarsu

Si ricorda che dal 1 gennaio 2013, al posto della Tarsu verrà introdotta una nuova tassa sui rifiuti, la Tares, un nuovo tributo comunale che ai servizi indivisibili affianca la tassa sui rifiuti.

Decreto semplificazione bis

In ogni caso, con il decreto semplificazioni bis, unificando la dichiarazione di cambio di residenza con la dichiarazione Tarsu, si scoveranno più evasori , visto che la lotta all’evasione fiscale è da sempre uno dei punti fissi dell’Esecutivo tecnico.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Tassa rifiuti