Detrazioni spese universitarie 2020, come inserirle nel 730

Detrazioni spese universitarie nel modello 730/2020, spese riconosciute, limiti di reddito e quadri da compilare.

di , pubblicato il
dichiarazione precompilata 2021 rateizzazione

Spese universitarie detraibili nel modello 730/2020. Anche quest’anno i contribuenti potranno portare in detrazione le spese per studenti che frequentano hanno frequentato l’università nel 2019.

La legge consente di portare in detrazione le spese sostenute nel 2019 per la frequentazione dell’Università, sia pubblica che privata, anche per gli studenti fuori corso. Il recupero sulle imposte in dichiarazione dei redditi è del 19% con limiti prefissati in base alla tipologia di corsi e alla zona geografica.

Limiti di spesa detraibili

Il limite massimo di spesa detraibile per le università è stabilito per quest’anno dal decreto MIUR del 19 dicembre 2019. Le cifre più alte per cui è possibile beneficiare della detrazione del 19% riguardano i percorsi di studi di ambito medico di università private che si trovano al Nord. Il limite previsto è pari a 3.700 euro.

Area disciplinare corsi istruzioneNordCentroSud e isole
Medica3.700 euro2.900 euro1.800 euro
Sanitaria2.600 euro2.200 euro1.600 euro
Scientifico-tecnologica3.500 euro2.400 euro1.600 euro
Umanistico-sociale2.800 euro2.300 euro1.500 euro

Per i corsi post laurea (dottorato, corsi di specializzazione e master) il limite massimo di spesa è di 3.700 euro per il Nord, 2.900 per il Centro e 1.800 per Sud e isole. A tali cifre bisognerà aggiungere anche la tassa regionale per il diritto allo studio che è variabile. All’interno della dichiarazione dei redditi, bisognerà compilare i righi da E8 a E10 della sezione I, utilizzando il codice 13.

Tutte le spese universitarie detraibili

Ma quali sono le spese universitarie detraibili? Di seguito forniamo un elenco delle spese che possono essere portate in detrazione, così come specificato dall’art. 15 del TUIR:

  • corsi di istruzione universitaria;
  • corsi universitari di specializzazione.
  • corsi di perfezionamento;
  • master universitari;
  • corsi di dottorato di ricerca;
  • Istituti tecnici superiori (ITS) in quanto equiparati alle spese universitarie;
  • nuovi corsi istituiti ai sensi del D.
    P.R. 212/2005 presso i Conservatori di Musica e gli Istituti musicali pareggiati; non sono, invece, detraibili le spese di iscrizione presso istituti musicali privati.

Per quanto riguarda la tipologia di spese detraibili, l’agevolazione spetta anche per le spese sostenute per:

  • tasse di immatricolazione ed iscrizione (anche per gli studenti fuori corso);
  • soprattasse per esami di profitto e laurea;
  • la partecipazione ai test di accesso ai corsi di laurea, eventualmente previsti dalla facoltà;
  • la frequenza dei Tirocini Formativi Attivi (TFA) per la formazione iniziale dei docenti istituiti, presso le facoltà universitarie o le istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica;
  • Test di ammissione a corsi di laurea.

La detrazione invece non spetta per:

  • i contributi pagati all’università pubblica relativamente al riconoscimento del titolo di studio (laurea) conseguito all’estero, in quanto la spesa indicata non rientra nel concetto di “spese per frequenza di corsi di istruzione secondaria e universitaria”;
  • le spese relative all’acquisto di libri scolastici, strumenti musicali, materiale di cancelleria, viaggi ferroviari, vitto e alloggio necessarie per consentire la frequenza della scuola.
Argomenti: ,