Detrazioni 730 precompilato: ecco quali verranno aggiunte

Ecco di quali spese si arricchirà la dichiarazione precompilata a partire da quest'anno.

di , pubblicato il
Ecco di quali spese si arricchirà la dichiarazione precompilata a partire da quest'anno.

Il decreto del MEF del 13 gennaio 2016 stabilisce le modalità e i termini di trasmissione all’Agenzia delle Entrate dei dati relativi alle spese universitarie, quelle funebri, le spese per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica da inserire nel 730 precompilato.   La dichiarazione precompilata, infatti, così come previsto dal Dlgs 175/2014, si arricchisce di queste nuove spese detraibili. Dal MEF arrivano, quindi, le indicazioni su come le notizie relative alle spese detraibili vadano inviate all’Agenzia delle Entrate entro il 28 febbraio dell’anno successivo a quello cui si riferisce la dichiarazione dei redditi (per quest’anno la scadenza slitta al 29 febbraio poichè il 28 cade di domenica).

  Già a partire dall’invio dei dati riguardanti lo scorso anno i termini devono essere rispettati.  

Spese Universitarie

Le spese Universitarie detraibili sono

  •  frequenza di corsi universitari
  •  frequenza di corsi universitari di specializzazione
  •  frequenza di corsi di perfezionamento
  • frequenza di master assimilabili a corsi universitari o di specializzazione
  •  di iscrizione a dottorati di ricerca.

E gli atenei sono tenuti alla comunicazione per ogni anno e per ciascuno studente indicando, al contempo, chi ha materialmente sostenuto tali spese.  

Spese funebri

Come per quelle universitarie anche per le spese funebri è prevista una detrazione del 19%. A trasmettere i dati all’Agenzia delle Entrate dovranno provvedere, per le spese relative all’anno 2015, le agenzie del settore. Dovranno essere comunicati i costi riferibili ad ogni decesso indicando i dati del defunto e quelli dell’intestatario della ricevuta fiscale.  

Interventi di recupero del patrimonio energetico edilizio e di riqualificazione energetica

Anche per il 2016 sono state confermate le detrazioni maggiorate al 50% anzichè al 36% per le spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio e al 65% anzichè al 55% per le spese di riqualificazione energetica. Tali spese dovranno essere comunicate entro il 28 febbraio di ogni anno all’Agenzia delle Entrate da banche e Poste con i dati relativi ai bonifici emessi dai contribuenti per questo tipo di lavori indicando nella comunicazione gli identificativi del mittente, il contribuente beneficiario della detrazione e il destinatario della somma.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , ,

I commenti sono chiusi.