Detrazione Spese Università all’estero: negate a chi ha chiesto un prestito

Detrazione Spese Universitarie per istruzione all'estero: in caso di prestito non se ne ha diritto. I chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

di , pubblicato il
Detrazione Spese Universitarie per istruzione all'estero: in caso di prestito non se ne ha diritto. I chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

L’accesso alla detrazione delle spese universitarie non è ammessa se il contribuente ha chiesto somme in prestito per pagare gli studi all’estero. A chiarirlo è stata l’Agenzia delle Entrate in risposta all’interpello numero 302 del 23 luglio 2019. Analizziamo il caso pratico proposto dal quale è stata estrapolata la regola generale.

Detrazione Spese Università all’Estero: prestiti d’onore

A rivolgersi all’Agenzia delle Entrate sono state due studentesse iscritte all’Università di Londra pagata tramite il ricorso ad un prestito d’onore erogato dallo Stato inglese. I genitori di una delle due vorrebbe estinguere il debito anticipatamente e si è rivolto all’ente per comprovare la possibilità di beneficiare della detrazione per le spese universitarie ex articolo 15 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi.

Il testo prevede espressamente che: “rileva la circostanza che la stessa viene sostenuta per rifondere un prestito contratto dalle figlie; i relativi pagamenti vengono, infatti, effettuati a favore di un ente diverso dall’Università. Tale circostanza esclude, a parere della scrivente che la spesa che sarà sostenuta dall’istante possa essere ricondotta tra quelle detraibili ai sensi dell’articolo 15, comma 1, lettera e), del TUIR in quanto, come detto non può essere assimilata ad una tassa di iscrizione ad un corso universitario”. In altre parole la detrazione per l’università all’estero è stata negata perché gli studi sono stati finanziati da un prestito. Un’interpretazione rigida che non ammette eccezioni neppure sulla base dello scopo del previsto, legato all’educazione universitaria. La regola infatti prevede che solamente i costi riconosciuti direttamente all’Università possano rientrare nel campo delle detrazioni universitarie.

In caso di Università statale la detrazione viene calcolata sulla spesa sostenuta effettivamente mentre per le università private l’importo massimo è fissato annualmente da decreto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
Per quanto concerne nello specifico la detrazione delle spese universitarie all’estero, il riferimento è alla circolare numero 7 del 2018, in cui si rimanda “all’importo massimo stabilito per la frequenza di corsi di istruzione appartenenti alla stessa area disciplinare nella zona geografica in cui lo studente ha il domicilio fiscale. Per le spese sostenute per la frequenza di corsi post-laurea all’estero, ai fini della detrazione, occorre, invece, fare riferimento all’importo massimo stabilito per la frequenza di corsi di istruzione post laurea nella zona geografica in cui lo studente ha il domicilio fiscale”.

Nessuna detrazione spetta per le somme restituite all’ente che ha concesso il prestito per le spese universitarie, anche se finalizzato in via esclusiva alla copertura dei costi che servono per finanziare il piano di studi, che avrebbero tutti i requisiti per beneficiare dello sconto sull’imposta Irpef da versare.

Argomenti: ,