Detrazione mutuo: cosa accade se si affitta una stanza?

Cosa accade alla detrazione degli interessi passivi del mutuo nel momento che si decide di affittare una parte della propria abitazione principale?

di , pubblicato il
Cosa accade alla detrazione degli interessi passivi del mutuo nel momento che si decide di affittare una parte della propria abitazione principale? © Licenza Creative Commons

Se si affitta parte della prima casa per l’acquisto della quale si è acceso un mutuo, pur continuando a mantenere in essa residenza e domicilio, si perdono i benefici previsti per la detrazione degli interessi passivi?

Se si concede in affitto una parte della propria abitazione principale pur continuando a dimorarci, il diritto alla detrazione degli interessi passivi del mutuo non viene a mancare. Si potrà infatti continuare a beneficiare della detrazione fiscale per gli interessi passivi sul mutuo ipotecario contratto per l’acquisto dell’immobile.

La detrazione, infatti, spetta a chi ha acquistato la casa ed è al tempo stesso intestatario del mutuo ed è ammessa a condizione che l’immobile sia adibito dall’acquirente ad abitazione principale entro un anno dall’acquisto. Un’altra condizione necessaria per poter fruire della detrazione è che il mutuo sia stato stipulato entro l’anno antecedente o successivo a quello della data di acquisto dell’immobile.

Si ricorda che l’abitazione principale è , così come definito dall’articolo 15, comma 1, lettera b del Tuir, quell’immobile in cui dimorano abitualmente il contribuente o i suoi familiari. In caso di affitto, quindi, di una porzione dell’immobile, i requisiti richiesti per poter fruire della detrazione non vengono a mancare.

Argomenti: ,