Detrazione fiscale affitti: trasferimenti per motivi di lavoro

Come si può godere delle detrazioni fiscali previste per i contratti di locazione nel caso si sia trasferita la propria residenza per motivi di lavoro?

di , pubblicato il
Come si può godere delle detrazioni fiscali previste per i contratti di locazione nel caso si sia trasferita la propria residenza per motivi di lavoro?

Come funziona la detrazione fiscale sui canoni di locazione per coloro che hanno trasferito la propria residenza per motivi di lavoro?   E’ possibile ottenere una detrazione, in sede di dichiarazione dei redditi, per coloro che hanno trasferito la propria residenza per motivi di lavoro qualora siano titolari di un contratto di locazione (per approfondire puoi leggere anche come funzionano le detrazioni per i contratti di locazione per il 2016).

Per  poter fruire della detrazione  è necessario essere titolari anche di un rapporto di lavoro dipendente e subordinato e bisogna aver trasferito la propria residenza nel comune di lavoro o in un comune limitrofo e aver stipulato un contratto di locazione.

Per poter fruire della detrazione, comunque, non basta che il comune in cui si trasferisce la residenza sia diverso da quello di residenza ma deve distare almeno 100 Km da esso o deve essere ubicato in una regione differente. La residenza nel nuovo Comune deve essere trasferita a non più di 3 anni dalla richiesta della detrazione fiscale.

Detrazione fiscale: quanto vale?

La detrazione fiscale sarà pari a

  • 991,60 euro per redditi complessivi non superiori a 15.493,71 euro
  • 495,80 euro per redditi complessivi compresi tra 15.493,71 r 30.987,41 euro.
Argomenti: , ,