Detrazione fiscale 55 e 36: le novità del 2012

Come sono cambiate le detrazioni fiscali dopo i recenti provvedimenti normativi

di Alessandra M., redazione Investireoggi.it, pubblicato il
Come sono cambiate le detrazioni fiscali dopo i recenti provvedimenti normativi

Cambiano le regole in materia di detrazioni fiscali, con il decreto Salva Italia il quale prevede che a partire dal 1° gennaio 2013 le opere per efficienza energetica possano godere esclusivamente della detrazione al 36 per cento e non più nella detrazione al 55 per cento. Ultimo anno quindi per poter beneficiare del rimborso del 55 per cento delle spese sostenute in materia di risparmio energetico (finestre, pannelli solari, caldaie ad alta efficienza, ecc.), anche se non si esclude che l’azione di lobby fatta dalle imprese del settore edilizio possa prorogare l’agevolazione almeno per un altro anno.

 

DETRAZIONE 36 RISTRUTTURAZIONE: COME ACCEDERE AL BONUS

Le modifiche non riguardano esclusivamente l’oggetto delle detrazioni ma anche le modalità per poter accedere al bonus. Le modifiche hanno avuto inizio con il decreto sviluppo varato l’anno scorso ( dl 70 del 2011). Si è partiti con la cancellazione dell’obbligo di invio della comunicazione di inizio lavori al centro operativo di Pescara per i lavori iniziati dal 14 maggio in poi. A seguito di questa novità si è previsto l’inserimento all’interno della dichiarazione dei redditi dei dati catastali inerenti gli immobili ristrutturati. Inoltre, sempre a partire dal 14 maggio, viene prevista l’eliminazione dell’obbligo di inserire in fattura in modo separato il costo relativo alla manodopera da quello relativo ai beni acquistati ( in ogni caso tale obbligo permane per le fatture emesse in data precedente).

Inoltre per i rogiti stipulati dopo il 17 settembre 2011 si avrà la possibilità di trasferire le restanti quote in merito alla detrazione del 36 o del 55 per cento sia al venditore che all’acquirente ( è stato inoltre precisato che dal 1° gennaio 2012 in caso di omissione il bonus passa all’acquirente). Per le sole spese sostenute dal 1° gennaio del 2012 i contribuenti con più di 75 o di 80 anni di età non hanno la possibilità di portare la detrazione a  tre o cinque rate.

 

DETRAZIONI 36 RISTRUTTURAZIONI: CHI PUO’ CHIEDERE IL BONUS

Inoltre è stato previsto che a partire dal 1° gennaio 2012 la detrazione del 36 per cento potrà essere estesa anche ai lavori di riparazione di immobili danneggiati da calamità naturali ( anche svolti prima del 2012 purché sia stato dichiarato lo stato di calamità). Infine viene allargata la platea dei lavori che danno diritto alla detrazione del 55 per cento, visto che questa viene riconosciuta anche per gli scalda acqua con pompa di calore per un limite di spesa di 30 mila euro.

Per adesso il decreto Salva Italia ha scongiurato i paventati tagli in materia di detrazioni ( sia al 36 che al 55 %), ma ancora non è detto che l’esecutivo non proceda ad una sforbiciata.

 

VERSO L’AUMENTO DELLE ALIQUOTE IVA

Infatti occorrerà attendere l’aumento delle aliquote iva che dal 1° settembre di quest’anno potrebbero vedere l’aliquota ordinaria passare dal 21 al 23 per cento, mentre l’aliquota agevolata potrebbe passare dal 10 al 12 per cento. Inoltre occorrerà attendere anche l’emanazione dei decreti, da varare entro il 31 maggio, che stabiliranno quali contribuenti potranno accedere alle agevolazioni ( Infatti a partire dal 2013 l’accesso ad alcune tipologie di detrazioni sarà consentito solo a famiglie che hanno valori isee sotto una determinata soglia).

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Detrazione 55