Detrazione 50 e bonus mobili: boom nei 730

Bonus ristrutturazione 50% e mobili: queste le detrazioni più ricorrenti nei 730 analizzati dai Caf. Panoramica sulle spese portate in detrazione

di Alessandra De Angelis, pubblicato il
Bonus ristrutturazione 50% e mobili: queste le detrazioni più ricorrenti nei 730 analizzati dai Caf. Panoramica sulle spese portate in detrazione

Detrazione per il recupero edilizio al 50% e bonus mobili: queste le voci che pesano maggiormente nell’analisi fiscale dei 730 2015 degli italiani. Ecco una panoramica di quello che gli italiani hanno scaricato con più frequenza e delle voci che invece, rispetto alle dichiarazioni degli anni precedenti, hanno perso terreno.

Detrazioni 730: le spese più richieste nel 2015

A tirare le prime somme provvisorie sulla base dei dati ad oggi disponibili è stato il Caf Acli. Rispetto alle spese di casa di proprietà, anche ad uso investimento, la tendenza appare piuttosto chiara. Nel corso del 2014 è infatti cresciuto in modo esponenziale il numero di contribuenti che ha beneficiato della detrazione del 50% sul recupero edilizio (mediamente una dichiarazione su quattro) e del bonus sull’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici a risparmio energetico (+93,8%). Sempre restando nell’ambito delle dichiarazioni dei redditi dei proprietari di casa, si registra un incremento evidente del ricorso alla cedolare secca (+24.3%). Più in generale invece sono più numerosi gli italiani che portano in detrazione nel 730 scontrini per spese mediche e i contributi per colf e badanti.

Detrazioni 730: le voci in calo nel 2015

In tendenza contraria ci sono invece voci di spesa che vengono detratte con minore frequenza. In calo risultano essere ad esempio le richieste di detrazione per i mutui sulla prima casa, le spese per le assicurazioni sulla vita (-22,9%) e le spese di istruzione dei figli (-29,3%) o anche quelle degli affitti per gli studenti fuori sede.  

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Detrazione 50