Detassazione Premi di Risultato: guida 2021

Relativamente ai premi di produzione o ai premi di risultato erogati in esecuzione di contratti aziendali o territoriali, la detassazione per l’anno 2021 rimane quella del 2020.

di , pubblicato il
Relativamente ai premi di produzione o ai premi di risultato erogati in esecuzione di contratti aziendali o territoriali, la detassazione per l’anno 2021 rimane quella del 2020.

In Telefisco 2021 l’Amministrazione tributaria ha fornito utili chiarimenti sui premi di risultato.

Per i premi di risultato erogati nel 2021 vi è la possibilità di accedere a tutti i benefici fiscali previsti dalla Legge di Stabilità 2016, anche con integrazione di accordi territoriali già sottoscritti in anni precedenti o di accordi di secondo livello.

Detassazione premi di risultato 2021: cosa è cambiato dal 2020?

Al verificarsi di situazioni eccezionali come l’emergenza sanitaria in atto è consentito rimodulare i piani che li rendono di difficile realizzazione.

È necessaria l’introduzione di obiettivi di produttività, redditività, innovazione, qualità ed efficienza che dovranno essere comparati con i risultati conseguiti in un lasso di tempo definito dalle parti contrattuali.

Si tratta di strumenti che, da un lato, mirano ad incentivare la produttività e l’efficienza dei lavoratori e, dall’altro, a favorirne la fidelizzazione.

Detassazione premi di produzione: disciplina

Relativamente ai premi di produzione o ai premi di risultato erogati in esecuzione di contratti aziendali o territoriali, la detassazione per l’anno 2021 rimane quella del 2020.

L’imposta sostituiva applicata è del 10%, entro il limite massimo di euro 3.000.

Ai premi di produzione vengono applicati i contributi previdenziali ordinari.

A causa dell’emergenza pandemica moltissime aziende hanno raggiunto risultati molto diversi da quelli previsti a inizio anno 2020.

Per gli accordi sottoscritti a inizio 2021, in un contesto di forte incertezza, molte aziende potrebbero decidere di rimodulare il premio di risultato.

Al momento della sottoscrizione del contratto, sussiste una oggettiva incertezza in merito al trend dei nuovi parametri inseriti.

Con l’accordo aziendale integrativo le parti contrattuali riescano a individuare alternativi obiettivi incrementali.

L’agevolazione può essere applicata sotto la responsabilità del sostituto d’imposta, il quale deve valutare la sussistenza dei presupposti per l’applicazione della tassazione con l’imposta sostitutiva del 10%.

Detassazione premi di produzione: la verifica dei requisiti per l’agevolazione

I criteri di misurazione devono essere determinati con anticipo rispetto ad una eventuale produttività futura.

Per le società sono disponibili strumenti di analisi e indicatori affidabili per valutare il trend dei risultati economici.

Tali tools sono a disposizione del sostituto d’imposta, al quale spetta il controllo dei requisiti richiesti per la tassazione agevolata.

Argomenti: , ,