Delega fiscale: Imu e fondo taglia tasse tra gioie e dolori

Anche scudo fiscale, borse di studio e beauty contest negli emendamenti al DL fiscale presentati in Commissione Finanze alla Camera

di , pubblicato il
Anche scudo fiscale, borse di studio e beauty contest negli emendamenti al DL fiscale presentati in Commissione Finanze alla Camera

Imu sulla prima casa, versamento in tre rate, mentre per la seconda versamento in due scaglioni. Questa novità dell’ultima ora, è stata prevista negli emendamenti presentati dal relatore del Pdl alla delega fiscale, Gianfranco Conte, che è stato approvato nella giornata di lunedì 16 aprile, dalla Commissione Finanze della Camera. Altre novità in relazione all’Imu, riguardano il fatto che ci sarà una sola detrazione di 200 euro per nucleo familiare, la deducibilità dell’imposta sulle dimore storiche affittate al 40%.

Esentati dall’Imu, le abitazioni site nei Comuni abruzzesi terremotati.

 

Imu: la rateizzazione si farà

Mentre l’Udc non ci sta, il Pdl gioisce per il passaggio delle novità sulla rateizzazione dell’imposta sugli immobili. Se per le prime scadenze fissate al 18 giugno e al 17 settembre, il cittadino dovrà versare il 33% dell’imposta che viene calcolata sull’aliquota base del 4 per mille, si dovrà anche tenere in considerazione la detrazione di 200 euro per il nucleo familiare, accompagnata da 50 euro per ogni figlio convivente, con meno di 26 anni. Alla terza data, il 17 dicembre, si verserà invece il restante il restante 33%, insieme al conguaglio dell’imposta che viene calcolata sulla base dell’aliquota definitiva decisa nel frattempo da sindaci (entro il prossimo 30 settembre) e Stato (entro il prossimo 10 dicembre). Non ci sarà per il pagamento solo ed esclusivamente il modello F24, come paventato inizialmente, ma si potranno utilizzare anche i bollettini postali.

 

Imu coppie separate: paga chi occupa l’immobilie

Inoltre novità che hanno fatto arrabbiare di molto, soprattutto i matrimonialisti, è la previsione per cui a pagare l’Imu sulla casa coniugale, per le coppie separate, sarà chi effettivamente occupa l’immobile, anche se non è di sua proprietà.

 

Lotta alle intestazioni fittizie

Inoltre si prevede anche che le agevolazioni sulla prima casa si devono applicare solo sull’abitazione in cui il contribuente e il proprio nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente e si applicherebbero per un solo immobile, al fine di evitare le intestazione fittizie di un bene.

 

Dichiarazioni Imu al 30 settembre

Nell’agenda degli italiani, da segnare in riferimenti all’Imu è anche la data del prossimo 30 settembre, quando scadrà il termine per presentare le dichiarazioni Imu da parte di tutti i contribuenti che hanno acquistato un immobile alla data del 1° gennaio in poi.

 

Esenzione Imu per i terremotati dell’Aquila

Altra novità da segnalare è per le famiglie colpite dal violento sisma del 2009 nella regione dell’Abruzzo. Si prevede in tal caso che, se vi sia un fabbricato distrutto o destinatario di ordinanze sindacali di sgombero perché inagibili in tutto in parte, si sancisce l’esenzione non solo dall’Imu ma anche da Irpef e Ires. Un’esenzione però temporanea, che è valevole cioè fino alla ricostruzione o al ritorno dell’agibilità del fabbricato.

 

Niente bollo per affitti soggetti a cedolare secca

Tra le misure introdotte si segnala anche l’esenzione dall’applicazione dell’imposta di bollo per gli affitti soggetti alla cedolare secca Irpef del 21% (19% sui contratti a canone concordato) e per i tributi di registro e di bollo in caso di fideiussione emessa a favore del conduttore.

 

Il Fondo taglia tasse non ci sarà

All’ultima ora arriva la doccia fredda per ciò che riguarda l’istituzione del Fondo per il taglio delle tasse. Non si farà, ma “per ora” sottolineano i tecnici governativi. L’impegno dell’Esecutivo a destinare il maggior gettito derivante dalla lotta all’evasione fiscale in «un apposito fondo strutturale», per finanziare gli sgravi fiscali, pur nel rispetto dei vincoli di bilancio e del patto di stabilità, non si farà.

 

Bollo attività scudate: nuova proroga

Slitta dal 16 maggio prossimo al 16 luglio, il termine di versamento dell’imposta di bollo speciale sulle attività scudate, da parte degli intermediari. Sconti anche se, se durante il periodo d’imposta, viene meno, in tutto o in parte, la segretazione. In tal caso, il valore delle attività finanziarie è tassato solo per il periodo in cui si è beneficiato dell’anonimato.

 

Imposta erariale aeromobili privati

Introdotta dalla manovra di dicembre, quella ribattezzata salva Italia, l’imposta erariale sui velivoli privati ora cambia volto, prevedendo l’esenzione per gli aeromobili di costruzione amatoriale e quelli storici o per il volo da diporto o sportivo e, ma fino a 45 giorni di permanenza in Italia, per quelli immatricolati all’estero.

Introdotta invece una tassa per chi usa gli aereotaxi, rapportata alla lunghezza del tragitto da compiere: inferiore o superiore a 1.500 chilometri.

 

Pagamento in contanti: ancora una proroga

Viene fatto slittare al 1° luglio il termine per lo stop al pagamento di stipendi e pensioni oltre i mille euro in contanti. Una scadenza che ha visto continue proroghe: da maggio a giugno e ora a luglio, grazie ad un emendamento approvato dalla commissione Finanze della Camera. L’obiettivo della proroga è quello di dare maggior tempo alla pubblica amministrazione per adeguarsi al nuovo limite del contante. Maggior tempo per adeguarsi anche per i pensionati che dovranno aprire un conto in banca per poter ricevere il loro trattamento pensionistico, sempre che l’importo di questo superi la soglia minima di 1000 euro. Una proroga che non dovrebbe avere tante discussioni, visto che, come ha sottolineto Francesco Boccia, coordinatore delle commissioni Economiche del Gruppo del Pd alla Camera “Credo che nessuno in parlamento avrà la faccia di tirarsi indietro perché questa è la strada maestra per combattere l’evasione e il sommerso”.

 

Frequenze tv: annullato il “beauty contest”

Tra gli emendamenti presentati al dl fiscale in commissione Finanze della Camera, si segnala anche l’annullamento del beauty contest per l’assegnazione gratuita delle frequenze televisive, che ora dovranno essere acquistate con un’asta onerosa. Così le nuove frequenze Tv saranno assegnate mediante pubblica gara indetta entro 120 giorni dall’entrata in vigore della norma contenuta nel Dl fiscale, così come riformulata con gli emendamenti presentati. L’assegnazione delle frequenze avverrà in favore di operatori di rete sulla base di differenti lotti, mediante procedure di gara aggiudicate all’offerta economica più elevata anche mediante rilanci competitivi, assicurando la separazione verticale tra fornitori di programmi e operatori di rete.

Sarà comunque l’Agcom a dover adottare tutte le necessarie procedure per la gara (Frequenze tv all’asta: beauty contest annullato). 

 

Tasse borse di studio sopra 11.500 euro: batosta anti-giovani evitata

Infine si segnala anche l’esenzione dalla tassazione per le borse di studio. Mentre in Senato era stato deciso che si pagassero tasse sulle borse di studio superiori agli 11.500 euro, ora con l’emendamento presentato al DL fiscale, questa norma è stata cancellata. Gioiscono i giovani talenti italiani.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: