Deduzioni e detrazioni disturbi dell’apprendimento 2016: quando sono possibili?

Per soggetti affetti da DSA di quali benefici fiscali è possibile beneficiare, detrazioni o deduzioni?

di , pubblicato il
Per soggetti affetti da DSA di quali benefici fiscali è possibile beneficiare, detrazioni o deduzioni?

Di quali agevolazioni fiscali è possibile beneficiare per le spese sostenute per un percorso con diagnosi relativamente ai disturbi specifici dell’apprendimento?   Le agevolazioni fiscali per i soggetti affetti da DSA sono legate strettamente al riconoscimento della disabilità; lo stato di disabilità, infatti, comprende anche i disturbi specifici dell’apprendimento secondo l’articolo 3 della legge 104 del 1992.   In questo caso, però, non è possibile portare in detrazione tali spese ma è possibile dedurle dal reddito complessivo. Si possono dedurre dal reddito ai fini Irpef tutte le spese mediche e quelle di assistenza specifica secondo l’articolo 10, comma 1, letta b del TUIR.   Per quel che riguarda le detrazioni per carichi di famiglia, invece, se si hanno figli con disturbi specifici dell’apprendimento, è possibile portare una detrazione forfettaria di 400 euro come sconto di imposta per ogni figlio portatore di handicap secondo l’articolo 12, comma 1 del TUIR.   Tutte le spese riguardanti sussidi tecnici, informatici rivolti a rendere l’autosufficienza e l’integrazione del disabile quanto più facile possibile sono detraibili al 19% secondo l’articolo 15, comma 1, lettera c del TUIR.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , , ,