Decreto Sostegni Bis, i nuovi aiuti dovrebbero essere più generosi

Le nuove indennità del decreto sostegni bis dovrebbero essere maggiori rispetto alla sua prima versione, soprattutto nei confronti delle piccole partite iva.

di , pubblicato il
Decreto Sostegni: Contributi a fondo perduto in arrivo

Il governo è già alle prese con il Decreto Sostegni Bis. Secondo le ultime indiscrezioni, le prossime indennità a sostegno della liquidità di imprese e famiglie dovrebbero essere più generose, soprattutto nei confronti delle piccole partite iva.
Ci si attende un uno stanziamento di circa 35 miliardi di euro, contro i 32 miliardi della prima versione del decreto sostegni.
È quanto dichiarato da Claudio Durigon, il sottosegretario leghista all’Economia, in una recente intervista rilasciata al Sole 24 Ore. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Decreto Sostegni Bis, cosa sappiamo

Nelle intenzioni del governo, spiega Durigon, le nuove indennità dovrebbero essere più generose nei confronti dei soggetti economici più in crisi e, in primo luogo, nei confronti delle piccole partite iva.
Secondo gli ultimi dati del sole 24 ore, “il 58% di chi fattura fino a 100 mila euro ha ridotto il proprio volume d’affari di almeno il 30%; stessa cosa per circa un terzo delle partite Iva più grandi”.
Infine, dichiara il sottosegretario leghista, maggiori aiuti dovrebbero arrivare in favore delle imprese con fatturati superiori ai 10 milioni di euro, e, in particolare, a favore di alcuni settori come: fiere, turismo e tessile.
Ovviamente, allo stato attuale si parla ancora di semplici indiscrezioni; non si conoscono i dettagli delle prossime nuove misure di contrasto all’emergenza sanitaria del coronavirus e alle relative politiche di contenimento adottate dal nostro Paese. Ma, come detto in apertura, molto probabilmente le risorse stanziate dovrebbero essere nettamente superiori rispetto alla prima versione del Decreto Sostegni.
Ovviamente, vi terremo aggiornati sugli sviluppi della vicenda.

 

Articoli correlati

Argomenti: , ,