Decreto Milleproroghe pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale: i principali punti

Dalle assunzioni nel pubblico impiego, ai rifiuti pericolosi, passando per il 5 per mille e alla sospensione degli adempimenti burocratici per alluvionati di Genova. Queste e altre le proroghe previste dal nuovo decreto

di , pubblicato il
Dalle assunzioni nel pubblico impiego, ai rifiuti pericolosi, passando per il 5 per mille e alla sospensione degli adempimenti burocratici per alluvionati di Genova. Queste e altre le proroghe previste dal nuovo decreto

Anche il 2011, come tutti gli anni, si conclude con un decreto Milleproroghe. Quello di quest’anno è il decreto legge dicembre 2011, n. 216, che è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il 29/12/2011. Vediamo sinteticamente le proroghe introdotte.

 

Assunzioni nel pubblico impiego

In materia di assunzioni di personale del pubblico impiego, vengono fissate alcune proroghe al 31 dicembre 2012, tra cui: le assunzioni di personale a tempo indeterminato nel limite di

un contingente di personale complessivamente corrispondente ad una spesa pari al 20 per cento di quella relativa alle cessazioni avvenute nell’anno precedente (art. 1,comma 523 Legge n. 296/2006),  le ulteriori assunzioni di personale a tempo indeterminato, previo effettivo svolgimento delle procedure di mobilità (art. 1, comma 527 Legge n. 296/2006 le assunzioni di personale a tempo indeterminato relative alle cessazioni verificatesi nell’anno 2009 e nell’anno 2010 (art. 3, comma 102, Legge n. 244/2007 e art 66, commi 9?bis, 13 e 14 D.L. n. 112/2008); le relative autorizzazioni ad assumere possono essere concesse entro il 31 luglio 2012;  );  le assunzioni di personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato da parte degli enti di ricerca entro il limite dell’80 per cento delle proprie entrate correnti complessive (art. 1, comma 643 Legge n. 296/2006);  l’efficacia delle graduatorie dei concorsi pubblici per assunzioni a tempo indeterminato, relative alle amministrazioni pubbliche soggette a limitazioni delle assunzioni, approvate successivamente al 31 dicembre 2005, le assunzioni di personale a tempo indeterminato nel limite di un contingente di personale complessivamente corrispondente ad una spesa pari al 10 per cento di quella relativa alle cessazioni avvenute nell’anno precedente (art. 66, comma 3 D.L. n. 112/2008).

 

Ammortizzatori sociali in deroga

Viene prorogato a tutto l’anno in corso, il 2012, con alcuni limiti di spesa, subordinatamente a un intervento integrativo pari almeno alla misura del venti per cento dell’indennità stessa a carico degli enti bilaterali previsti dalla contrattazione collettiva, il trattamento, in caso di sospensione per crisi aziendali o occupazionali ovvero in caso di licenziamento, pari all’indennità ordinaria di disoccupazione con requisiti normali per i lavoratori assunti con la qualifica di apprendista e con

almeno tre mesi di servizio presso l’azienda interessata da trattamento, per la durata massima di novanta giornate nell’intero periodo di vigenza del contratto di apprendista; tale misura si applica a tutte le tipologie di lavoro subordinato,  compresi i contratti di apprendistato e di somministrazione ai sensi dell’art.

19, commi 1, lett. c) e 1?ter D.L. n. 185/2008; l’indennità di “disoccupazione” pari al 30 per cento del reddito percepito l’anno precedente e comunque non superiore a 4.000 euro, ai collaboratori coordinati e continuativi non in attività (art. 19, comma 2 D.L. n. 185/2008).

Viene inoltre  prorogata sempre al 31 dicembre 2012, la possibilità di effettuare prestazioni di natura accessoria in tutti i settori produttivi, inclusi gli enti locali, ma nel limite massimo di 3.000 euro per anno, da parte di percettori di prestazioni integrative del salario o di sostegno al reddito.

 

Trasporto pubblico

Prorogato al 30 giugno 2012 il termine per emanare il decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, insieme al Ministro dello sviluppo economico, previa intesa con la Conferenza Unificata Stato?Regioni, contenenti urgenti disposizioni attuative, tese ad impedire pratiche di esercizio abusivo del servizio di taxi e del servizio di noleggio con conducente o, comunque, non rispondenti ai principi ordinamentali che regolano la materia. Con il suddetto decreto verranno, altresì, definiti gli indirizzi generali per l’attività di programmazione e di pianificazione delle

regioni, ai fini del rilascio, da parte dei Comuni, dei titoli autorizzativi.

 

Proroga del SISTRI

Prorogato al 2 aprile 2012 il termine di entrata in vigore del sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (SISTRI). Inoltre, rinviato al 2 luglio 2012 il termine entro il quale sono esclusi dall’obbligo di iscrizione al SISTRI, gli imprenditori agricoli che producono e trasportano ad una piattaforma di conferimento, oppure conferiscono ad un circuito organizzato di raccolta, i propri rifiuti pericolosi in modo occasionale e saltuario.

Sempre in tema di rifiuti, si segnala la proroga al  31 dicembre 2012 la fase transitoria in base alla quale, le sole attività di raccolta, di spazzamento e di trasporto dei rifiuti e di smaltimento o recupero inerenti alla raccolta differenziata possono continuare ad essere gestite secondo le

attuali modalità e forme procedimentali dai comuni. Per ciò che concerne i rifiuti pericolosi viene prorogata al 31 dicembre 2012, la deroga per l’immissione in discarica dei rifiuti con PCI (ossia con Potere calorifico inferiore) superiore a 13. 000 kJ/kg a ad eccezione dei rifiuti provenienti dalla frantumazione degli autoveicoli a fine vita e dei rottami ferrosi per i quali sono autorizzate discariche monodedicate che possono continuare ad operare nei limiti delle capacità autorizzate.

 

Carte d’identità

Prorogato al 31 dicembre 2012 il termine per apporre le impronte digitali sulle carte d’identità.

 

Adeguamento alberghi, hotel, ecc

Il termine entro il quale le strutture ricettive turistico?alberghiere con oltre venticinque posti letto, esistenti alla data di entrata in vigore del decreto del Ministro dell’interno del 9 aprile 1994,

devono completare l’adeguamento alle disposizioni di prevenzione incendi e siano ammesse, viene fatto slittare al 31 dicembre 2012. Si prevede anche l’applicazione delle sanzioni di cui all’art. 4 D.P.R. 1° agosto 2011, n. 151 (in pratica la sospensione dell’attività) se entro tale data non ci sia stato l’adeguamento.

 

5 per mille

Le somme iscritte in bilancio in conto competenza e nel conto dei residui nell’ambito della missione “Fondi da ripartire” e del programma “Fondi da assegnare”, capitolo n. 3094, dello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze, per l’anno finanziario 2011, non impegnate al termine dell’esercizio stesso, vengono conservate in bilancio per essere utilizzate nell’esercizio successivo. Il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato a ripartire per l’anno 2012, tra i pertinenti capitoli delle amministrazioni interessate, le somme conservate nel conto dei residui del predetto Fondo.

 

Attività di consulenza finanziaria

Slitta al 31 dicembre 2012 il termine entro il quale i soggetti che, alla data del 31 ottobre 2007, prestano la consulenza in materia di investimenti possono continuare a svolgere tale

servizio, senza detenere somme di denaro o strumenti finanziari di pertinenza dei clienti anche se gli stessi soggetti abbiano la riserva di attività.

 

Decorrenza nuova tassazione rendite finanziarie

L’applicazione della nuova ritenuta del 20% (art. 2, comma 6 D.L. n. 138/2011) decorre:

• dal 1° gennaio 2012 con riferimento ai soli interessi e agli altri proventi che derivano dai conti correnti;

• dal giorno successivo alla data di scadenza del contratto di pronti contro termine stipulato anteriormente al 1° gennaio 2012 e avente durata non superiore a 12 mesi, relativamente

ai redditi derivanti da riporti e pronti contro termine su titoli e valute (articolo 44, comma 1, lettera g?bis), del TUIR) e agli interessi ed altri proventi delle obbligazioni e titoli similari di

cui al D.Lgs. 1° aprile 1996, n. 239.

Inoltre, si prevede che l’applicazione delle nuove ritenute del 20% sugli interessi ed altri proventi corrisposti ai possessori di obbligazioni, titoli similari e cambiali finanziarie (art. 26, comma 1

D.P.R. n. 600/1973) decorre dal 1° gennaio 2012 con riferimento agli interessi e proventi maturati a partire da tale data. Stessa regola vale per l’abrogazione delle disposizioni di cui all’art.

7, commi 1?4 D.L. n. 323/1996 in materia di proventi derivanti da depositi di denaro, di valori mobiliari e di altri titoli diversi dalle azioni e da titoli similari, a garanzia di finanziamenti concessi ad imprese residenti, effettuati fuori dall’esercizio di attività produttive di reddito d’impresa da parte di persone fisiche, nonché da parte di società semplici ed equiparate di cui

all’articolo 5 TUIR, di enti non commerciali o di soggetti non residenti senza stabile organizzazione nel territorio dello Stato, indipendentemente da ogni altro tipo di prelievo previsto per i

proventi medesimi.

 

Chiusura partite IVA inattive

Slitta al 31 marzo 2012, la possibilità per i titolari di partita IVA che, anche se obbligati, non abbiano tempestivamente presentato la dichiarazione di cessazione di attività di sanare la violazione versando un importo pari 129 euro.

 

Comunicazione mensile delle retribuzioni

La trasmissione telematica, da parte dei sostituti d’imposta, da inviare mensilmente, dei  dati retributivi e delle informazioni necessarie per il calcolo delle ritenute fiscali e dei relativi

conguagli, per il calcolo dei contributi, per l’implementazione delle posizioni assicurative individuali e per l’erogazione delle prestazioni, mediante una dichiarazione mensile (c.d. “e?mens”)

slitta ancora, al mese di  gennaio 2014, previa sperimentazione a partire dall’anno 2013.

 

Accatastamento fabbricati rurali

Restano salvi gli effetti delle domande di variazione della categoria catastale presentate ai sensi

del comma 2?bis dell’articolo 7 del D.L. 13 maggio 2011, n. 70, anche dopo la scadenza dei termini originariamente previsti (30 settembre 2011) e comunque entro e non oltre il 31 marzo 2012 in relazione al riconoscimento del requisito di ruralità, fermo restando il classamento originario degli immobili rurali ad uso abitativo.

 

Giochi pubblici 

Slitta al  31 dicembre 2012 la sperimentazione in materia di “Bingo”. Inoltre, la scadenza per bandire la gare per aggiudicare le concessioni novennali per l’esercizio del gioco del poker sportivo

slitta al 30 giugno 2012. Infine, slitta al 30 giugno 2012 il termine concesso all’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, per bandire i concorsi per la concessione novennale di diritti di esercizio e raccolta in rete fisica dei giochi su base ippica e sportiva.

 

Addizionale comunale IRPEF

Per l’anno 2011 il termine per deliberare l’aumento o l’eventuale diminuzione dell’aliquota dell’addizionale regionale all’IRPEF è prorogato al 31 dicembre 2011. L’aumento o la diminuzione si applicano sull’aliquota di base dell’1,23 per cento e le maggiorazioni già vigenti alla data di entrata in vigore del decreto si intendono applicate sulla predetta aliquota di base dell’1,23 per cento.

 

Proroga adempimenti tributari per le zone di La Spezia, Massa Carrara e Genova

Nel limite massimo di spesa di 70 milioni di euro per l’anno 2011, si dispone verso i  soggetti interessati dalle eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nel mese di ottobre

2011 nel territorio delle Province di La Spezia e Massa Carrara e nei  giorni dal 4 all’8 novembre 2011 nel territorio genovese, la proroga al 16 luglio 2012 dei termini degli adempimenti e versamenti tributari, insieme ai versamenti relativi ai contributi previdenziali ed assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali che scadono rispettivamente nel periodo dal 1°ottobre 2011 al 30 giugno 2012 e dal 4 novembre 2011 al 30

giugno 2012.

 

Proroga sfratti

Slitta al 31 dicembre 2012, la proroga degli sfratti per alcune categorie sociali. Per determinare l’acconto IRPEF dovuto per l’anno 2013 non si tiene conto dei benefici fiscali previsti dall’art. 2,

comma 1 delle Legge n. 9/2007 (esenzione del reddito di locazione per tutta la durata del periodo di sospensione legale dell’esecuzione).

Argomenti: , , , , , ,