Decreto fiscale, soglia punibilità al 3% e le altre misure

Dopo aver superato l'esame preliminare del Governo, lo scorso 24 dicembre, il decreto fiscale sul riordino dei reati tributari sarà rivisitato entro febbraio. Ecco le principali misure

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Dopo aver superato l'esame preliminare del Governo, lo scorso 24 dicembre, il decreto fiscale sul riordino dei reati tributari sarà rivisitato entro febbraio. Ecco le principali misure

Reati tributari sotto la lente del Fisco con lo schema di decreto fiscale legislativo che attua la delega fiscale, che fissa la soglia di rilevanza penale al 3% del reddito evaso, ma sarà applicabile solo ai casi relativi alle dichiarazioni fiscali infedeli (dovute ad errori in buona fede o di interpretazione).

 Decreto fiscale: punibilità sopra il 3%

Nella riforma dei reati fiscali, il governo Renzi in un nuovo articolo 19 bis stabilisce che, “per i reati previsti dal presente decreto, la punibilità è comunque esclusa quando l’importo delle imposte sui redditi evase non è superiore al tre per cento del reddito imponibile”. Definita norma “salva-Berlusconi” , l’artioclo in questione ha suscitato numerose polemiche per cui il premier Matteo Renzi fa tornare il testo dei decreti delegati sul Fisco, approvato lo scorso 24 dicembre, in Consiglio dei Ministri per la necessaria revisione, prima dell’invio alle commissioni per i prescritti pareri. “Mi sono dato come scadenza il 20 febbraio, giorno del Consiglio dei ministri in cui porteremo tutti i decreti delegati pronti in materia fiscale” – ha detto Renzi – “In quel Consiglio riporteremo anche il decreto già approvato il 24 dicembre”.

Le altre misure del decreto fiscale

Le altre misure contenute nel provvedimento sono:

  • abuso del diritto: si ha abuso del diritto quando si è in presenza di operazioni prive di sostanza economica che realizzano vantaggi fiscali indebiti come conseguenza principale dell’operazione.
  • omesso versamento di Iva: aumentano le soglie di punibilità da 50mila a 150mila euro.
  • dichiarazione infedele: la punibilità è prevista se ciascuna imposta evasa supera 150mila euro, contro gli attuali 50mila euro.
  • rilascio/ emissione fatture false: introduzione soglia di 1000 euro.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Evasione fiscale

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.