Decreto fiscale: molte le misure contro evasione fiscale

Governo punta su contrasto all'esportazione illegale di contanti e sulla lotta alla mancata emissione di scontrini fiscali

di Alessandra M., redazione Investireoggi.it, pubblicato il
Governo punta su contrasto all'esportazione illegale di contanti e sulla lotta alla mancata emissione di scontrini fiscali

Il nuovo decreto fiscale allo studio del governo molto probabilmente conterrà un nutrito pacchetto di interventi in materia di contrasto all’evasione fiscale. In particolari le nuove norme dovrebbero condurre ad un giro di vite in tema di esportazioni illegali di capitali all’estero, oltre che misure più rigide in tema di contraffazione e mancata emissione di scontrini fiscali.  

ESPORTAZIONE ILLEGALE CONTANTI: VERSO INCREMENTO SANZIONI

Non è un caso che sin dal varo della manovra estiva  gli agenti doganali abbiano rilevato un congruo aumento del numero dei soggetti che esportavano illecitamente contanti oltre i confini  nazionali. Il governo ha quindi allo studio una norma in grado di fungere da deterrente all’esportazione illegale prevedendo di innalzare la sanzione minima prevista sino a 6 volta l’ammontare del capitale esportato. Pertanto la sanzione prevista verrebbe portata dall’attuale 5 % al 30 per cento di quanto esportato e verrebbe eliminata la possibilità di sanare l’illecito amministrativo con il pagamento di una somma una tantum, trascorso un anno dall’invio dell’accertamento. Inoltre si punta al contrasto dei falsi, prevedendo di elevare la sanzione amministrativa attualmente in vigore su illeciti compiuti in materia di commercio internazionale ( la soluzione non prevede quindi l’applicazione di sanzioni penali).  

MANCATA EMISSIONE SCONTRINI FISCALI: BLACK LIST DEI SOGGETTI CHE TRASGREDISCONO

Per quanto riguarda la mancata emissione degli scontrini, i nominativi dei trasgressori potrebbero essere inseriti in una particolare lista oggetto di particolari “attenzioni” per quanto riguarda i controlli che gli ispettori del fisco effettueranno nell’arco del 2012. In materia di riciclaggio il nuovo decreto potrebbe prevedere che in caso di violazione agli obblighi sull’uso del contante la comunicazione non vada all’agenzia delle entrate, ma alle fiamme gialle. Per quanto riguarda gli ambiti diversi dalla lotta l’evasione fiscale, il decreto dovrebbe prevedere diversi interventi in materia di restyling del reddito d’impresa ( rivedere alcune norme sulla deducibilità e sulle perdite su crediti), la possibilità di usare i proventi della lotta all’evasione per diminuire le aliquote irpef oltre che le nuove norme inerenti la riforma del catasto.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Evasione fiscale