Da quando si potrà chiedere il bonus idrico e come funziona la piattaforma per la domanda

Alla domanda per il bonus idrico occorre allegare la fattura o altro documento che prova la spesa sostenuta

di , pubblicato il
Alla domanda per il bonus idrico occorre allegare la fattura o altro documento che prova la spesa sostenuta

La piattaforma per la richiesta del bonus idrico fino a 1.000 euro non è ancora disponibile. Quindi, se oggi conosciamo le regole per richiederlo non è ancora possibile presentare domanda.

Bonus idrico: le spese ammesse

Il beneficio, ricordiamo, si sostanzia in un contributo (rimborso), fino a 1.000, riconosciuto per spese sostenute, entro il 31 dicembre 2021, a fronte:

  • della fornitura e la posa in opera di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri e relativi sistemi di scarico, compresi le opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti
  • fornitura e l’installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina, compresi i dispositivi per il controllo di flusso di acqua con portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto, e di soffioni doccia e colonne doccia con valori di portata di acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto, compresi le eventuali opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti.

Da quando è possibile chiederlo

La richiesta del bonus idrico deve essere fatta attraverso la “Piattaforma bonus idrico” del Ministero della Transizione Ecologica.

Lo stesso ministero ha fatto sapere che tale piattaforma sarà resa disponibile entro 60 giorni dalla registrazione del decreto attuativo del beneficio. Ciò, significa, entro il 26 novembre 2021 (il decreto è datato 27 settembre 2021).

Tale data è quella ultima, il che significa che l’applicazione web potrebbe essere disponibile anche prima. Ciò, tuttavia, non cambia la sostanza delle cose, ossia il fatto che si tratta di una data, comunque, a ridosso della scadenza del bonus, fissata alle spese sostenute entro il 31 dicembre 2021.

A ciò si aggiunge il fatto che le domande saranno trattate secondo l’ordine temporale di arrivo e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

L’accesso alla piattaforma richiede di registrarsi (con SPID o CIE) e che alla domanda si alleghi la fattura o altro documento che attesti la spesa sostenuta. L’importo sarà accreditato direttamente sul c/c del beneficiario (nella domanda bisogna indicare l’IBAN).

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: , ,