Crisi di governo e pensioni: c’è il rischio di creare nuovi esodati con quota 100?

Il pensionamento con quota 100 è messo a rischio dalla crisi di governo? Vediamo chi è sicuro di accedere alla pensione con la misura.

di , pubblicato il
Il pensionamento con quota 100 è messo a rischio dalla crisi di governo? Vediamo chi è sicuro di accedere alla pensione con la misura.

Mia moglie ha presentato la domanda di pensione utilizzando la quota 100, che ha già raggiunto nel mese di giugno (contributi + anzianità); e’ una dipendente statale e quindi ha 6 mesi di finestra. Siccome la domanda di dimissioni l’ha presentata nel mese di luglio e dovrebbe andare in pensione il 1/2/2020, la nuova legge di bilancio che si prevede per fine anno, potrebbe non prevedere i fondi per quota 100 per quest’altr’anno? O peggio la nuova legge di bilancio potrebbe abolire la legge di quota 100? Inoltre potrebbe rischiare di trovarsi esodata, cioè senza pensione e senza stipendio, visto che ha già dato le dimissioni? Grazie per una sua gentile risposta.

Pensione quota 100 a rischio per la crisi di governo?

Le parole di Di Maio sulla crisi di governo e sulle possibili ripercussioni sul fronte previdenziale destano dubbi e preoccupazione in chi deve accedere al pensionamento con la quota 100. “Una crisi di governo ora è assurda, ma soprattutto pericolosa” ha scritto Di Maio in un post su Facebook spiegando che il rischio è “Che possa saltare Quota 100 per chi voleva andare in pensione o che possa scomparire la tassazione al 15% per chi ha una partita Iva. Perché causare tutto questo? La risposta a voi. Credo che l’abbiate ben compresa”.

Il rischio che quota 100 possa non essere rifinanziata per il 2020 e il 2021, quindi, potrebbe esserci poiché l’Italia ha bisogno di scongiurare le clausole di salvaguardia che porterebbero, inevitabilmente, all’aumento dell’Iva dal prossimo anno, ma il rischio è abbastanza remoto visto che la misura è stata autorizzata, nell’attuale legge di Bilancio, per un triennio e, quindi, fino al 31 dicembre 2021.

In ogni caso per chi, come sua moglie, ha raggiunto i requisiti di pensionamento nel 2019 non dovrebbero esserci problemi poiché il diritto alla pensione (la misura, infatti, nel 2019 non è stata sospesa o bloccata) è stato cristallizzato nel momento in cui sono stati raggiunti i requisiti. Il fatto che la pensione venga liquidata, poi, nel 2020 è solo un effetto della finestra di attesa obbligatoria di 3 mesi per i privati e di 6 mesi per il pubblico.

Nuovi esodati?

Chi ha presentato già dimissioni per raggiunti requisiti per l’accesso a quota 100, quindi, non dovrebbe avere problemi ad accedere al pensionamento con la misura e da questo punto di vista, quindi, la crisi di governo non dovrebbe creare nuovi esodati.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , , ,

I commenti sono chiusi.