Credito d’imposta prodotti riciclati economia circolare. Ecco i soggetti legittimati a presentare domanda

Il Ministero della Transizione ecologica ha individuato i soggetti che possono presentare la domanda per richiede il bonus per l'acquisto di prodotti riciclati

di , pubblicato il
Visto di conformità superbonus 110%, le novità del decreto contro le frodi

Le domande per richiedere il credito d’imposta prodotti riciclati economia circolare, devono essere presentate esclusivamente in formato elettronico, tramite la piattaforma informatica Invitalia PA Digitale (https://padigitale.invitalia.it), a partire dalle ore 12 di mercoledì 22 dicembre 2021 fino alle ore 12 del 21 febbraio 2022.

Chi può presentare materialmente la domanda? Il rappresentante legale della società può inoltrare la domanda? In caso di impresa individuale, chi è legittimato all’invio?

Ecco tutti i chiarimenti forniti dal Ministero della Transizione ecologica.

Il credito d’imposta per i prodotti riciclati

L’art.26-ter del D.L. 34/2019, decreto Crescita, ha previsto un contributo in favore di imprese e professionisti che impiegano prodotti riciclati in economia circolare.

Nello specifico, per le spese 2020, e’ riconosciuto, nel limite di 10.000 euro, un credito d’imposta pari al 25 per cento del costo di acquisto di:

  • semilavorati e prodotti finiti derivanti, per almeno il 75 per cento della loro composizione, dal riciclaggio di rifiuti o di rottami;
  • compost di qualita’ derivante dal trattamento della frazione organica differenziata dei rifiuti.

Con il decreto del 6 ottobre 2021, pubblicato in Gazzetta ufficiale n. 297 del 15 dicembre 2021, i ministri della Transizione ecologica, dello Sviluppo economico e dell’Economia e Finanze hanno definito le disposizioni attuative del credito d’imposta in esame.

Sul portale del Ministero della Transizione Ecologia c’è un’apposita sezione dedicata all’agevolazione.

I soggetti legittimati a presentare la domanda

Il ministero della Transizione ecologica ha rilasciato alcuni chiarimenti in merito alle modalità di presentazione dell’istanza di agevolazione.

Nello specifico, le domande devono essere presentate esclusivamente in formato elettronico, tramite la piattaforma informatica Invitalia PA Digitale (https://padigitale.invitalia.it), a partire dalle ore 12 di mercoledì 22 dicembre 2021 fino alle ore 12 del 21 febbraio 2022.

Per la presentazione delle istanze occorre essere in possesso di un’identità SPID.

Per accedere alla procedura, il soggetto proponente dovrà entrare nell’area riservata eseguendo il login e quindi accedere alla suddetta sezione specifica relativa alla misura “Bando prodotti riciclati”.

Dal punto di vista operativo, chi si può occupare della presentazione della domanda?

Ebbene a tale domanda ha risposto il Ministero con un’apposita FAQ.

Nello specifico, l’accesso alla procedura informatica è riservato al rappresentante legale dell’impresa, ovvero dal titolare di reddito di lavoro autonomo del richiedente. La domanda di accesso al contributo deve essere compilata esclusivamente attraverso la procedura informatica disponibile al link http://padigitale.invitalia.it. Alla medesima pagina web, nella sezione dedicata al Bando, è possibile prendere visione del manuale utente per la compilazione dell’istanza di accesso.

Attenzione, la procedura informatica consente di verificare se la compilazione delle varie sezioni del modulo di domanda è avvenuta correttamente oppure se vi sono errori o informazioni mancanti. Allorché la procedura di compilazione sarà ultimata il soggetto richiedente potrà scaricare il modulo in formato “.pdf” che andrà firmato digitalmente e successivamente caricato sul sistema per procedere all’invio della domanda. Il sistema accetta solo file in formato pdf.p7m (Fonte portale MITE).

Argomenti: , ,