Bonus ricerca e sviluppo: proroga al 31 dicembre 2022

Il credito d'imposta ricerca e sviluppo viene prorogato fino al 31 dicembre 2022, più definito l'ambito oggettivo dell'agevolazione.

di , pubblicato il
Il credito d'imposta ricerca e sviluppo viene prorogato fino al 31 dicembre 2022, più definito l'ambito oggettivo dell'agevolazione.

Il Ddl di bilancio 2021 proroga il credito d’imposta gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo, chiarendo in maniera più precisa l’ambito applicativo dell’agevolazione.

 

Inoltre, viene incrementata la misura dell’agevolazione rispetto all’investimento effettuato.

 

Il credito d’imposta rientra tra gli incentivi fiscali collegati al “Piano nazionale Impresa 4.0”.

 

Ecco in chiaro tutte le novità previste nella bozza della Legge di bilancio 2021.

Il credito d’imposta R&S: gli investimenti agevolabili

In linea di massima, le attività agevolabili sono individuate in prima battuta al comma 198 della Legge 160/2019.

Per il periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2019, per gli investimenti in ricerca e sviluppo, in transizione ecologica, in innovazione tecnologica 4.0 e in altre attività innovative, è riconosciuto un credito d’imposta alle condizioni e nelle misure di cui ai commi da 199 a 206.

In particolare, come riportato sul sito del Mi.SE.

 

  • per le attività di ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale in campo scientifico e tecnologico il credito è pari al 12% delle spese agevolabili, nel limite massimo di 3 milioni di euro;
  • per le attività di innovazione tecnologica finalizzate alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati, il credito d’imposta è riconosciuto in misura pari al 6% delle spese agevolabili nel limite massimo di 1,5 milioni di euro;
  • il credito d’imposta è riconosciuto in misura pari al 10% delle spese agevolabili nel limite massimo di 1,5 milioni di euro in caso di attività di innovazione tecnologica finalizzate al raggiungimento di un obiettivo di transizione ecologica o di innovazione digitale 4.0.

 

Ad ogni modo, per le attività di design e ideazione estetica per la concezione e realizzazione dei nuovi prodotti e campionari nei settori tessile e della moda, calzaturiero, dell’occhialeria, orafo, del mobile e dell’arredo e della ceramica, e altri individuati con successivo decreto ministeriale:

 

  • il credito d’imposta è riconosciuto in misura pari al 6% delle spese agevolabili nel limite massimo di 1,5 milioni di euro.

Soggetti beneficiari

Il credito d’imposta spetta a tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato. Incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti.

 

Non fanno differenza la natura giuridica, il settore economico di appartenenza, le dimensioni dell’impresa , il  regime contabile nonchè le modalità di determinazione del reddito.

 

Insomma, anche i contribuenti forfetari o i c.d minimi possono ottenere il credito d’imposta.

 

Tuttavia, sono escluse le imprese in stato di liquidazione volontaria, fallimento, liquidazione coatta amministrativa, concordato preventivo senza continuità aziendale, altra procedura concorsuale. Sono inoltre escluse le imprese destinatarie di sanzioni interdittive ai sensi dell’articolo 9, comma 2, del D.Lgs 231/2001.

 

La fruizione del beneficio spettante è subordinata alla condizione del rispetto delle normative sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Rileva anche il corretto adempimento degli obblighi di versamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori.

Come si accedere al credito d’imposta?

Le imprese che intendono fruire dell’agevolazione sono tenute ad effettuare una comunicazione al Ministero dello sviluppo economico.

 

Come riportato dal Mi.SE sul proprio portale, la comunicazione non costituisce condizione preventiva di accesso ai benefici. Il mancato invio della comunicazione non è  causa di diniego del credito d’imposta.

 

Il credito d’imposta è utilizzabile esclusivamente in compensazione in tre quote annuali di pari importo a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di maturazione.

 

La base di calcolo del credito d’imposta deve essere assunta al netto delle altre sovvenzioni o dei contributi a qualunque titolo ricevuti per le stesse spese ammissibili.

Credito d’imposta R&S: le novità nel Ddl di bilancio 2021

Il Ddl di bilancio 2021 apporta diverse novità al credito d’imposta R&S.

Viene disposta la proroga del credito d’imposta R&S al 31 dicembre 2022 nonchè un incremento delle aliquote agevolative.

 

In particolare, il credito d’imposta R&S viene incrementato:

 

  • per gli investimenti in ricerca e sviluppo dal 12% al 20%  con contestuale  aumento dell’ammontare massimo di beneficio spettante da 3 a 4 milioni di euro;
  • per investimenti in innovazione tecnologica e in design e ideazione estetica dal 6% al 10% con un aumento dell’ammontare massimo del beneficio spettante da 1,5 a 2 milioni di euro.

 

Inoltre, viene incrementato dal 10% al 15% anche il credito per  investimenti in innovazione tecnologica finalizzati alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati. Per tali investimenti il credito massimo spettante passa da 1,5 a 2 milioni di euro.

 

Inoltre, è introdotto l’obbligo di asseverare la relazione tecnica per assicurare maggiore certezza alle imprese sull’ammissibilità delle attività svolte e delle spese sostenute.

 

A tal proposito si ricorda che, in base all’attuale normativa, le imprese, inoltre, sono tenute a redigere e conservare una relazione tecnica che illustri: le finalità, i contenuti e i risultati delle attività ammissibili svolte.

 

Dunque, l’asseverazione riguarda proprio tale relazione tecnica.

 

Infine, viene prevista una procedura di collaborazione tra il Mi.Se. e l’Agenzia delle entrate ai fini della corretta applicazione del credito d’imposta.

 

Le novità fin qui commentate sono contenute nell’attuale bozza della Legge di bilancio e potrebbero subire delle modifiche o addirittura essere accantonate nel testo definitivo.

 

Argomenti: ,