Cosa fare se è cambiato il sostituto d’imposta del 730 2018 già presentato?

Rimborso 730 se cambia il sostituto d'imposta prima del rimborso, come correggere la dichiarazione? La Redazione risponde.

di Angelina Tortora, pubblicato il
730 integrativo

Modello 730 con rimborso, il quesito di un nostro lettore:

Salve, ho presentato il 730 2018 tramite CAF, ma sono stato licenziato a maggio e prendo la NASPI. Non l’ho comunicato al CAF e hanno inserito come sostituto d’imposta l’azienda. Devo avere un rimborso di 900 euro, cosa posso fare? Come posso recuperare questi soldi?

Risposta

Le istruzioni ministeriali precisano che se il contribuente si accorge di non aver fornito tutti i dati per consentire di identificare il sostituto che effettuerà il conguaglio o di averli forniti in modo inesatto può presentare entro il 25 ottobre un nuovo modello 730 per integrare e/o correggere tali dati. In questo caso dovrà essere indicato il codice 2 nella relativa casella “730 integrativo” presente nel frontespizio.

Riepologando, se per incompletezza o incongruenza dei dati indicati nel frontespizio della dichiarazione originaria, il sostituto non è stato correttamente identificato, nell’apposita casella del modello integrativo deve essere indicato il codice 2 e la dichiarazione va integrata limitatamente al riquadro relativo ai dati del sostituto d’imposta che deve effettuare il conguaglio, mentre i rimanenti dati devono essere i medesimi della dichiarazione originaria. Pertanto, si consiglia di apportare la modifica tempestivamente dal CAF originario che ha presentato la dichiarazione.

Per maggiori informazione, leggere: Modello 730 2018 integrativo a correzione del sostituto d’imposta, tutte le novità

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Quesiti dichiarazione 730, News Fisco, Modello 730