Corrispettivi elettronici: è possibile utilizzare la procedura web?

L’Agenzia delle Entrate chiarisce che è possibile emettere scontrino elettronico utilizzando, alternativamente, registratore di cassa e procedura web. Ecco di cosa si tratta.

di , pubblicato il
L’Agenzia delle Entrate chiarisce che è possibile emettere scontrino elettronico utilizzando, alternativamente, registratore di cassa e procedura web. Ecco di cosa si tratta.

Con un provvedimento del 31 ottobre 2019, avente ad oggetto: “Memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi validi ai fini della lotteria di cui all’articolo 1, commi da 540 a 544, della legge 11 dicembre 2016, n. 232”, l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti circa i metodi di compilazione e trasmissione dei corrispettivi elettronici.

Scontrino elettronico

Ai sensi dell’articolo 2, d.lgs 127/2015, a partire dal primo gennaio 2020, tutti gli esercenti attività di commercio al minuto e attività assimilate sono obbligati all’emissione e trasmissione telematica, tramite SDI, dei corrispettivi elettronici.

Per tale motivo entro il 31 dicembre 2019 tutti gli esercenti sono obbligati a provvedere all’istallazione, o implementazione ed aggiornamento dei vecchi modelli (ove possibile) di Registratori Telematici necessari per l’invio dei corrispettivi elettronici.

Comunicazione dell’Agenzia delle Entrate

Con la comunicazione dell’agenzia delle Entrate viene chiarito quanto segue:

«Entro il 31 dicembre 2019 tutti i modelli dei Registratori Telematici e la procedura web, regolamentati dal provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate n. 182017 del 28 ottobre 2016 e successive modificazioni, sono configurati al fine di consentire, a partire dal 1° gennaio 2020, la trasmissione dei dati necessari all’attuazione della lotteria di cui all’articolo 1, commi da 540 a 544, della legge 11 dicembre 2016, n. 232. In particolare, tutti i modelli dei Registratori Telematici e la procedura web, messa a disposizione in area riservata del sito internet dell’Agenzia delle Entrate, sono configurati per consentire, anche mediante lettura ottica, l’acquisizione di un codice lotteria, facoltativamente rilasciato dal cliente al momento della memorizzazione dei dati dell’operazione commerciale che coincide con il momento di effettuazione dell’operazione».

In altre parole, l’Ade ha da poco messo a disposizione, di tutti i contribuenti, una procedura telematica (senza necessità di un registratore di cassa telematico) che consente la predisposizione dei corrispettivi elettronici.

La procedura sarà di enorme beneficio, soprattutto, per:

  • Gli operatori con bassa frequenza di operazioni;
  • Coloro che svolgono, anche, attività esterne come, ad esempio, manutenzione o vendita a domicilio.

In quest’ultimo caso, sarà direttamente il sistema a sommare i corrispettivi pervenuti tramite registratore di cassa e procedura web, mostrando il totale dei corrispettivi all’interno del portale Fatture e Corrispettivi.

Potrebbe anche interessarti: “Scontrino elettronico al via dal 1 gennaio 2020. Cosa cambia per consumatori ed esercenti”.

Argomenti: , ,