Coronavirus: rimborso della Retta e della Mensa Scolastica negati da alcuni istituti. Vediamo come procedere

Bambini e studenti obbligati a rimanere a casa per via del lockdown? È possibile richiedere il rimborso della retta scolastica e della mensa. Vediamo come fare.

di , pubblicato il
Bambini e studenti obbligati a rimanere a casa per via del lockdown? È possibile richiedere il rimborso della retta scolastica e della mensa. Vediamo come fare.

L’emergenza epidemiologica del coronavirus ha obbligato bambini e studenti di tutte le età a restare a casa senza poter seguire le lezioni all’interno delle mura scolastiche.

Molti genitori, oggi, vorrebbero richiedere il rimborso della mensa scolastica e della retta, ma è davvero possibile? Come bisogna procedere?

In risposta a questi interrogativi è intervenuta di recente l’A.E.C.I, l’associazione europea dei consumatori indipendenti, secondo la quale si ha il diritto al rimborso o alla sospensione di retta e mensa soltanto in alcuni casi. Vediamo meglio di cosa si tratta.

 

Mensa e retta scolastica, quanto si ha il diritto al rimborso?

Se per gli studenti la didattica può essere eseguita in modalità virtuale, per i bambini delle scuole materne, invece, la modalità a distanza non può certamente essere considerata sostitutiva delle lezioni in presenza.

Per questo motivo, l’A.E.C.I ritiene che, in quest’ultimo caso, i genitori hanno sempre diritto al rimborso o alla sospensione della retta. Questo non vale invece per gli studenti, i quali, in questi giorni, stanno usufruendo del servizio di didattica a distanza.

Il servizio mensa, invece, non può essere eseguito in nessun caso, per questo motivo, in entrambi i casi, i genitori possono richiedere il rimborso del corrispettivo importo pagato.

 

Come fare richiesta di rimborso?

L’ A.E.C.I ha creato un modulo (compreso di istruzioni) da compilare e inviare all’istituto scolastico per richiedere la sospensione del servizio o il rimborso.

Il modulo per richiedere il rimborso o la sospensione della retta è scaricabile direttamente dalla pagina web di “Euroconsumatori”.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Argomenti: ,