Coronavirus: l’Agenzia delle Entrate limita gli accessi agli sportelli

Attraverso una nota, l’Agenzia delle Entrate fornisce nuove indicazioni circa il servizio svolto presso gli uffici territoriali.

di , pubblicato il
Attraverso una nota, l’Agenzia delle Entrate fornisce nuove indicazioni circa il servizio svolto presso gli uffici territoriali.

In relazione all’emergenza sanitaria derivante dalla diffusione del Covid-19 e a seguito dell’emanazione del DPCM del 9 marzo 2020, a partire dal 10 marzo presso gli Uffici territoriali e gli Uffici provinciali dell’Agenzia delle entrate è necessario ridurre al minimo l’affluenza dei contribuenti. E’ quanto scritto dalla stessa Ade attraverso il comunicato stampa del 10 marzo 2020.

Agenzia delle entrate, limitato il servizio negli sportelli

Si legge nella nota dell’Agenzia delle Entrate: gli Uffici territoriali e uffici provinciali resteranno aperti solo per la ricezione di atti.

Cosa fare allora? L’Ade invita i contribuenti all’utilizzo dei canali telematici per la richiesta dei servizi.

Presso le sedi degli uffici sarà possibile consegnare documenti e richiedere servizi per la successiva lavorazione in back-office.

In ogni caso, sarà possibile comunicare con gli uffici utilizzando:

  • La posta elettronica certificata (gli indirizzi sono riportati sul sito Internet agenziaentrate.gov.it, nell’area nazionale e in quelle regionali) per la presentazione di istanze e documenti che saranno lavorati in back- office, il cui esito sarà comunicato dall’ufficio sempre con posta elettronica;
  • Civis;
  • Posta elettronica non certificata
  • Telefono.

Per i servizi di assistenza di carattere generale è attivo il numero verde 800.90.96.96, contattabile da telefono fisso, o il numero 06/96.66.89.07 tramite cellulare.

 

Potrebbe anche interessarti:

 

 

Argomenti: ,