Controllo conti correnti al via, debutta la super Anagrafe

Da oggi, venerdì 31 gennaio 2014, parte il controllo conti correnti, l'invio dei movimenti dei c/c da parte delle banche al Fisco

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Da oggi, venerdì 31 gennaio 2014, parte il controllo conti correnti, l'invio dei movimenti dei c/c da parte delle banche al Fisco

Al debutto da oggi, venerdì 31 gennaio 2014, l’Anagrafe dei conti correnti, ossia il controllo sui nostri c/c che dovranno realizzare banche e istituti di credito informando di tutti i nostri movimenti il Fisco.

Controllo conti correnti 2014

Debutta ufficialmente oggi, 31 gennaio 2014, la super Anagrafe del Fisco, la banca dati che si verrà a formare dall’insieme di tutti i dati dei nostri conti correnti che le banche e ogni istituto di credito dovrà comunicare al Fisco, al fine della lotta all’evasione fiscale. Raccogliendo tutti questi dati in un solo grande archivio, l’Anagrafe die conti correnti, si potrà procedere ad effettuare verifiche e incroci da cui poi in un secondo momento stilare una lista di potenziali evasori fiscali e procedere agli accertamenti fiscali. Dopo il redditometro e lo spesometro, le comunicazioni al Fisco si arricchiscono di uno strumento che da più parti è stato criticato per la possibile lesione della privacy a cui tende.

 Controllo conti correnti: il provvedimento delle Entrate

Contro queste accuse l’Agenzia delle entrate, nel provvedimento direttoriale attuativo del controllo conti correnti, detta una serie di istruzioni tecniche per le banche e gli operatori che devono procedere all’invio dei dati dei c/c in modo tale che la privacy e la riservatezza dei clienti siano sempre tutelati.

Proprio questo provvedimento, il numero prot. 37561/2013 fornisce importanti precisazioni in merito al controllo conti correnti che scatta da oggi.

In primo luogo oggetto delle comunicazioni al Fisco saranno:

  •  i dati identificativi del rapporto, compreso il codice univoco del rapporto, riferito al soggetto persona fisica o non fisica che ne ha la disponibilità, inclusi procuratori e delegati, e a tutti i cointestatari del rapporto, nel caso di intestazione a più soggetti;
  •  i dati relativi ai saldi del rapporto, distinti in saldo iniziale al 1° gennaio e saldo finale al 31 dicembre, dell’anno cui è riferita la comunicazione;
  •  per i rapporti accesi nel corso dell’anno il saldo iniziale alla data di apertura, per i rapporti chiusi nel corso dell’anno il saldo contabilizzato antecedente la data di chiusura;
  •  i dati relativi agli importi totali delle movimentazioni distinte tra dare ed avere per ogni tipologia di rapporto conteggiati su base annua.

Controllo conti correnti: modalità di comunicazione al Fisco

 In relazione all’interscambio di flussi di dati tra operatori e Fisco, è con la nuova infrastruttura informatica denominata SID, Sistema di Interscambio Dati che le banche trasmettono i dati dei conti correnti al Fisco.

 

Potrebbe interessarti anche:

 Controllo conti correnti, in arrivo la super Anagrafe del Fisco

Controllo conti correnti al via, da oggi non ci saranno più segreti per il Fisco

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Evasione fiscale

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.