Controlli Reddito di Cittadinanza: arrivano le prime denunce per il lavoro in nero

Controlli sul lavoro in nero dei beneficiari del reddito di cittadinanza: prima denuncia nel palermitano. Ecco che cosa si rischia.

di , pubblicato il
Controlli sul lavoro in nero dei beneficiari del reddito di cittadinanza: prima denuncia nel palermitano. Ecco che cosa si rischia.

I controlli sui requisiti per il reddito di cittadinanza non sono solamente parole. Arrivano le prime denunce per i furbetti che lavorano in nero e percepiscono il sussidio indebitamente. I carabinieri del nucleo operativo per la tutela del lavoro di Palermo hanno fatto scattare la prima denuncia ad una coppia: lei a marzo aveva fatto domanda, accolta, per il reddito di cittadinanza, ma il marito lavorava in nero come operaio in una ditta edile.

Che cosa rischiano ora?

Lavoro in nero e reddito di cittadinanza: le prime denunce

La storia arriva dalla Procura di Termini Imerese e ha come protagonisti due coniugi delle Madonie. Sono loro ad aggiudicarsi il poco onorevole primato. Da un’ispezione in una ditta edile è emerso un operaio impiegato senza contratto “la cui consorte – hanno spiegato i carabinieri – nello scorso mese di marzo, aveva presentato domanda (accolta ma con pagamento non ancora eseguito) per il conseguimento del reddito di cittadinanza per il nucleo familiare, omettendo di comunicare le previste variazioni al patrimonio, peraltro provento di attività irregolare”. Ora la coppia dovrà rispondere del reato di indebita percezione del reddito di cittadinanza.

Ma a pagare sarà anche la ditta. I militari infatti hanno deferito all’autorità giudiziaria un socio-amministratore della ditta edile in cui si è svolta l’ispezione, per una serie di violazioni in materia di sicurezza sul lavoro. Nel complesso sono state contestate sanzioni amministrative per un importo di 5 mila euro e comminate ammende pari a 52 mila euro.

Le notizie sui controlli dei requisiti per il reddito di cittadinanza stanno sortendo anche un altro effetto: chi teme verifiche di questo tipo sta rinunciando al sussidio (anche se molte richieste di rinuncia sono invece di protesta per l’importo riconosciuto inferiore alle aspettative). In ogni caso sono molti i beneficiari del reddito di cittadinanza che hanno avanzato la richiesta di rinuncia, tanto che, verosimilmente, bisognerà predisporre un modulo apposito.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,