Controlli dell’Agenzia delle Entrate su conti correnti e carte di credito. Ecco tutti i dettagli

Lotta all’evasione. Questa volta la proposta è dell’Unione Europea. Vediamo di cosa si tratta.

di , pubblicato il
Lotta all’evasione. Questa volta la proposta è dell’Unione Europea. Vediamo di cosa si tratta.

Conti correnti e carte di credito del mirino del Fisco. La proposta arriva direttamente dall’Unione Europea ed è volta a contrastare il fenomeno dell’evasione fiscale, soprattutto per quel che concerne le truffe transfrontaliere sull’Iva perpetrate dai titolari di e-commerce.

I piani di Bruxelles

Il controllo degli estratti conto dei conti correnti e delle carte di credito fornirebbe maggiore trasparenza sugli acquisti online e, in generale, su tutti i flussi di denaro, in entrate e in uscita, che transitano fuori dall’Unione.

Il fine principale è quello del contrasto alle frodi Iva che, secondo i tecnici dell’Unione Europea, consentirebbe un recupero dell’evasione fiscale di circa 1,2 miliardi di euro.

In tale prospettiva, tutti gli intermediari finanziari sarebbero costretti ad inviare periodicamente, alle autorità fiscali nazionali, i dati dei propri clienti, ad eccezione degli estratti conto con un numero di transazioni inferiore a 25 a trimestre.

Leggi anche: “Evasione fiscale record a 110 miliardi: ecco chi evade di più in Italia”.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,

I commenti sono chiusi.