Contributo unificato raddoppiato per il ricorso al Tar

Contributo unificato aumentato contro i ricorsi “pretestuosi” con le legge di stabilità 2013

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Contributo unificato aumentato contro i ricorsi “pretestuosi” con le legge di stabilità 2013

 Contributo unificato per il ricorso al Tar modificato con la legge di stabilità 2013 o meglio ritoccato al raddoppio. Novità quindi sul fronte giustizia con il ddl stabilità, adottato dal governo tecnico guidato dal prof. Monti.

Contributo unificato Tar nella legge di stabilità 2013

La legge di stabilità 2013 ha previsto il raddoppio del contributo  unificato in caso di ricorso al Tar, quando l’impugnazione anche se proposta in via incidentale, viene respinta integralmente oppure quando viene dichiarate improcedibile o inammissibile. In sostanza la legge di stabilità 2013 introduce una sorta di sanzione contro i ricorsi al Tar che siano pretestuosi, prevedendo il raddoppio del contributo unificato da corrispondere sulle impugnazioni giudicate inammissibili o improcedibili. Il gettito derivante dall’aumento del contributo unificato andrà a rinfoltire un fondo appena nato per il finanziamento di interventi urgenti per migliorare l’efficienza di tar e Consiglio di Stato.

Intercettazioni

Sempre sul fronte giustizia, la legge di stabilità 2013 ha previsto che per le intercettazioni, il compenso agli operatori sarà definito attraverso un canone annuo forfettario.

 

Sullo stesso argomento potrebbe interessarti anche:

Contributo unificato: quanto costa avviare il ricorso tributario

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Ricorsi e Contenziosi, Tasse e Tributi