Contributo a Fondo Perduto, l’entità del bonus potrebbe essere inferiore al previsto

Le risorse del Contributo a Fondo Perduto sono limitata. Per tale motivo, l’entità del bonus potrebbe essere incerta.

di , pubblicato il
Contributo a fondo perduto

Sta per arrivare il nuovo contributo a fondo perduto a favore delle imprese in difficoltà economica a causa dell’emergenza sanitaria del coronavirus e delle relative politiche di contenimento adottate dal nostro paese.

Il decreto è già pronto e, a breve, sarà pubblicato in gazzetta ufficiale.

Le risorse stanziate per tele incentivo sono limitate. Per tale motivo, l’entità del contributo potrebbe essere incerta. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Nuovo Contributo a Fondo Perduto, di cosa si tratta?

Il nuovo contributo sarà erogato solamente a quelle attività che, tra il 1° gennaio 2021 e il 25 luglio scorso, sono state costrette alla chiusura per almeno 100 giorni e rientrano in una delle 27 attività elencate in allegato al decreto stesso.

Per la concessione degli aiuti sono stati stanziati 140 milioni di euro per l’anno 2021, di questi 20 milioni saranno ripartite, in via prioritaria a favore di discoteche, sale da ballo, night club e simili (codice Ateco 93.29.10). Quest’ultimi potranno ricevere un contributo a fondo perduto fino a 25 mila euro.

Per le altre attività, invece, il bonus sarà pari a:

  • 3.000 euro, per le attività con ricavi e compensi del periodo d’imposta 2019 fino a 400 mila euro;
  • 7.500 euro, alle attività con ricavi e compensi compresi tra i 400 mila euro e 1.000.000 di euro;
  • 12 mila euro per i soggetti con ricavi e compensi superiori a un milione.

Il contributo sarà erogato dall’Agenzia delle entrate direttamente sul conto corrente dei beneficiari.

L’entità del bonus potrebbe essere inferiore

Come già detto, le risorse disponibili sono limitate. Per tale motivo, l’entità del contributo potrebbe essere incerta.

Qualora la dotazione finanziaria non sia sufficiente a soddisfare la richiesta di agevolazione riferita a tutte le istanze ammissibili, successivamente al termine di presentazione delle stesse, l’Agenzia delle entrate provvederà a ridurre in modo proporzionale il contributo sulla base delle risorse finanziare disponibili e del numero di istanze ammissibili pervenute, tenendo conto delle diverse fasce di ricavi e compensi.

 

Articoli correlati

Argomenti: ,