Contributi attività turistiche: ecco i soldi, domande dal 15 ottobre

Il Ministero del Turismo ha pubblicato gli avvisi relativi all’assegnazione ed erogazione di contributi a fondo perduto in favore delle imprese del settore turistico

di , pubblicato il
Contributi a fondo perduto alternativi per le partite Iva, in 48 ore si chiude tutto

Il Ministero del Turismo ha pubblicato gli avvisi relativi all’assegnazione ed erogazione di contributi a fondo perduto in favore delle imprese del settore turistico.

Le istanze potranno essere compilate e trasmesse on line a partire dalle ore 12:00 del giorno 15 ottobre 2021 fino alle ore 17:00 del giorno 29 ottobre 2021.

Lo stanziamento dei fondi

L’art.182, comma 1 del D.L. 34/2020, decreto Rilancio, ha istituito un fondo da destinate alla attività turistiche colpite dalla grave crisi economica legata al Covid-19. Nello specifico, il fondo ha una dotazione di 265 milioni di euro per l’anno 2020 e di 100 milioni di euro per l’anno 2021.

Ebbene, ottenuta l’autorizzazione UE, il Ministero del Turismo ha pubblicato gli avvisi relativi all’assegnazione delle risorse.

Rientrano tra i beneficiari: le imprese turistico-ricettive con ricavi o compensi, nel 2019, superiori a 10 milioni di euro; le agenzie di animazione per feste e i villaggi turistici; gli enti che gestiscono, a scopo turistico, siti speleologici e grotte; e le agenzie di viaggio e i tour operator che non hanno già presentato un’istanza di contributo (articolo 4 del decreto dirigenziale del 15 settembre 2020).

Agenzie di viaggio e tour operator

Sono beneficiari delle risorse,  le agenzie di viaggio e dei tour operator, che non hanno presentato un’istanza di contributo, ai sensi dell’articolo 4 del decreto dirigenziale del 15 settembre 2020, costituite entro il 28 febbraio 2020 e che, al momento della presentazione dell’istanza, esercitano attività di impresa primaria o prevalente identificata dai seguenti codici ATECO: 79.1, 79.11, 79.12.

Imprese turistico ricettive

Beneficiano dei contributi, le imprese turistico-ricettive, esercenti attività di impresa prevalente, dichiarata – con modello AA7/AA9 all’Agenzia delle Entrate, identificata dai seguenti codici ATECO: 55.10.00, 55.20.10, 55.20.20, 55.20.30, 55.20.40, 55.20.51, 55.20.52, 55.30.00, 55.90.20 e 96.04.20.

I suddetti soggetti devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere in possesso di Partita IVA attiva antecedente alla data del 1 gennaio 2020;
  • aver registrato, nell’anno 2019, ricavi superiori a 10 milioni di euro;
  • avere sede legale in Italia;
  • non essere destinatari di sanzioni interdittive ai sensi dell’articolo 9, comma 2, del decreto legislativo 8 giugno 2001, n.
    231;
  • essere in regola con gli obblighi in materia fiscale;
  • ecc.

Siti speleologi e grotte

Per gli Enti che gestiscono a scopo turistico, siti speleologi e grotte sono stanziate risorse pari a 2.000.000 di euro.

Beneficiari sono coloro che sono in possesso dei requisiti di cui all’articolo 2, comma 2, del decreto ministeriale 11 agosto 2021, prot. n. SG / 224.

Alle agenzie di animazione per feste e ai villaggi turistici, che possiedono i requisiti dettati dall’articolo 7, comma 2, del Dm Turismo del 24 agosto scorso, vanno, complessivamente, 10 milioni di euro.

L’assegnazione dei contributi non terrà conto della data di ricezione delle istanze e sarà definita a seguito dell’istruttoria effettuata sulle istanze pervenute nel periodo sopra indicato.

Argomenti: , , ,