BUSTA PAGA

Contratto metalmeccanici: maggiore tutela, assistenza sanitaria e formazione per tutti, ipotesi d’accordo, ecco cosa cambia

Cambia il contratto metalmeccanici: maggiore tutela, sicurezza sul lavoro, formazione continua, assistenza integrativa per tutti e tanto altro, raggiunta ipotesi di accordo.

Condividi su
Seguici su
di Angelica, publicato il
Cambia il contratto metalmeccanici: maggiore tutela, sicurezza sul lavoro, formazione continua, assistenza integrativa per tutti e tanto altro, raggiunta ipotesi di accordo.

Contratto metalmeccanici: raggiunto l’ipotesi di accordo tra Unionmeccanica-Confapi e Fim, Fiom, Uilm. L’intesa raggiunta, ha l’obiettivo di tutelare e allargare i diritti dei lavoratori, a partire dalla formazione continua e il diritto allo studio, alla riforma dell’inquadramento, dall’assistenza sanitaria integrativa per tutti, alla previdenza complementare, alla maggiore agibilità agli Rls sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; al rafforzamento della contrattazione e alla partecipazione.

Aumento contratto Metalmeccanici: 92 euro al mese, ecco come cambia la busta paga

Rassegna stampa –  Uilm Nazionale  – 3 luglio 2017

Metalmeccanici Diario del Lavoro

RAGGIUNTA L’IPOTESI DI ACCORDO SUL CONTRATTO NAZIONALE TRA UNIONMECCANICA-CONFAPI E FIM, FIOM, UILM

E’ stata raggiunta, oggi 3 luglio, l’ipotesi di accordo del contratto collettivo nazionale tra Unionmeccanica Confapi e Fim, Fiom, Uilm. L’intesa, che interessa oltre 300mila lavoratori della piccola e media impresa, è stata raggiunta dopo una trattativa “lunga e difficile” si legge in una nota stampa della Fim-Cisl, “in un contesto economico di deflazione, di riduzione dell’occupazione e degli investimenti. Si partiva con due piattaforme sindacali distinte però con una precisa volontà della controparte di raggiungere un’ipotesi di rinnovo unitario.” “Per far avanzare la trattativa – afferma la nota – sono stati decisivi la ricerca di una nuova sintesi fra le organizzazioni sindacali e la capacità negoziale prodotta nelle proposte nel corso della trattativa, fattori che hanno consentito di superare le contrapposizioni iniziali così da giungere a un contratto unitario. L’intesa raggiunta è fortemente innovativa, allarga e acquisisce nuovi diritti, a partire dalla formazione continua e il diritto allo studio, alla riforma dell’inquadramento, dall’assistenza sanitaria integrativa per tutti, alla previdenza complementare, alla maggiore agibilità agli Rls sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; al rafforzamento della contrattazione e alla partecipazione, inoltre: l’intesa tutela i redditi dall’inflazione e rafforza il welfare, facendo passi avanti nei benefici complessivi per i metalmeccanici, definisce le regole democratiche e di rappresentanza fra le parti, le organizzazioni sindacali, gli iscritti e i lavoratori.” “In questo modo si rafforza – continua – il ruolo del contratto nazionale quale strumento universale e generale di tutela dei diritti e delle condizioni di lavoro dei metalmeccanici delle piccole e medie imprese. L’ipotesi di accordo, dopo l’approvazione degli organismi di Fim, Fiom e Uilm, per essere pienamente efficace ed esigibile deve essere validata dalla consultazione certificata che verrà svolta anche tramite voto segreto dalla maggioranza delle lavoratrici e dei lavoratori metalmeccanici interessati. Per queste ragioni – conclude la nota – le Segreterie nazionali e le delegazioni nazionali di Fim, Fiom e Uilm invitano tutti i metalmeccanici a partecipare alle assemblee e al voto approvando il nuovo Contratto nazionale di lavoro.”

Aumento contratto Metalmeccanici dal 1 giugno 2017, ecco come cambia la busta paga

Contratto metalmeccanici: assenze e permessi come sono regolamentate?

 

Condividi su
Seguici su
Argomenti: Busta paga

I commenti sono chiusi.