Conto corrente gratis in arrivo: chi può averlo, come funziona e cosa offre

Sta per diventare legge il conto corrente a costi bassi o gratuito: che servizi offrirà, come funziona e chi potrà averlo senza pagare.

di , pubblicato il
Sta per diventare legge il conto corrente a costi bassi o gratuito: che servizi offrirà, come funziona e chi potrà averlo senza pagare.

E’ di questi giorni la notizia dei rincari per i conti corrente ma la vera novità è che sta per diventare obbligatorio il conto corrente base a costi molto bassi o gratuito. Ciò significherà niente più spese per chi deve possedere per forza di cose un conto, alla luce dei vari aumenti che hanno interessato in particolare i conti misti e quelli tradizionali.

Stangata conti correnti: arrivano i rincari fino al 40%, chi paga di più

Bisogna infatti considerare che ormai quasi tutti hanno intestato un conto bancario; per i pensionati è obbligatorio per ricevere la pensione, per chi lavora come dipendente o autonomo ugualmente è essenziale per ottenere lo stipendio o per ricevere denaro. Avere un conto è indispensabile, molto meno tutti i relativi costi, commissioni e canoni che bisogna pagare per ogni operazione di prelievo, apertura conto, spese per carte di credito e operazioni allo sportello. Insomma, per molti contribuenti avere un conto è un salasso aggiuntivo. Come dicevamo ad inizio articolo, però, sta per diventare obbligatorio per legge il conto a costi bassi o in alcuni casi del tutto gratuito per eliminare tutte le spese.

Conto corrente gratis o a basso costo in arrivo

La novità di cui vi parlavamo è relativa al nuovo decreto ministeriale (D. lgs. n. 37 del 2017) a breve pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale che va a rendere operativo il principio della Direttiva UE 2014/52 secondo cui tutti i cittadini europei e coloro che soggiornano legalmente in Europa hanno diritto ad aprire un conto base senza nessun tipo di discriminazione. Le Banche, insomma, dovranno necessariamente garantire ai cittadini la possibilità di aprire un conto semplice a costi molto bassi e gratis per i soggetti economicamente impossibilitati a sostenere le spese.

Come funzionerà il conto base e quali servizi dovrà offrire

Il conto base, come dice il nome stesso, dovrà permettere ai cittadini di poter compiere le operazioni più semplici come effettuare e ricevere bonifici, che in fin dei conti sono le attività che la maggior parte di noi compiono. Ovviamente il conto in oggetto dovrà essere dotato di Bancomat ma la caratteristica principale, appunto, è legata ai costi di gestione molto bassi, alla portata di tutti senza dimenticare che anche anche le procedure dovranno essere semplificate e che tutte le banche dovranno essere in grado di garantire la trasparenza delle informazioni. In soldoni si tratterà di un conto che darà modo a tutti di effettuare operazioni semplici ma non potrà essere utilizzato per le per le forme di gestione del risparmio. Tra i servizi minimi che dovrà offrire troviamo la ricezione di un bonifico, utilizzare una carta di debito e poter effettuare pagamenti di tasse e utenze. Va ricordato che nel contratto dovrà essere fedelmente riportato il numero di operazioni entro cui il conto sarà gratis e le tariffe separate per le altre operazioni.

Quali saranno i costi e per chi sarà gratuito

I costi per l’apertura e la gestione dovranno essere ragionevoli, il canone annuo a costo fisso, dovrà altresì abbracciare una cifra minima di operazioni e possono prevedere costi separati per altre operazioni che prevedono altre tariffe. Per i meno abbienti il conto bancario base sarà gratis. In particolare non avrà costi per tutti coloro che presentano un Isee inferiore a 11.600 euro annui, per i pensionati si parla, invece, di una cifra di 18 mila euro lordi l’anno. Per questi soggetti il conto sarà del tutto gratuito.

Conto corrente senza spese bancarie: il conto base per chi ha basso reddito, ecco chi può averlo

Argomenti: , ,