Consegna carta Reddito di Cittadinanza: che cosa fare in caso di ritardo delle Poste

Carta Reddito di Cittadinanza consegnata in ritardo alle Poste: quale tutela? Si rischia di perdere una mensilità?

di , pubblicato il
Carta Reddito di Cittadinanza consegnata in ritardo alle Poste: quale tutela? Si rischia di perdere una mensilità?

Salve, dopo aver fatto domanda per il reddito di cittadinanza ho ricevuto 2 messaggi dell’Inps ma non quello delle poste italiane. Solo dopo la mia insistenza ho scoperto che la mia tessera era alle poste dal 9 agosto 2019 ma mi è stata data il 4 settembre con solo 280 euro ho perso un mese vorrei sapere gli arretrati che fine fanno, grazie.

Carte Reddito di Cittadinanza agosto 2019: chi ritira in ritardo perde la prima mensilità?

A luglio e agosto le ferie potrebbero aver creato alcuni problemi di consegna della card del RdC. Si tratta di casi isolati eventualmente perché non sono state segnalate anomalie. Abbiamo già visto che cosa succede se il ritardo è stato dovuto all’irreperibilità del beneficiario titolare (per approfondire leggi: si può ritirare la card del reddito di cittadinanza in ritardo o facendo delega a terzi?).

Nel caso proposto la situazione sembra essere diametralmente opposta nel senso che, dalla testimonianza del lettore, risulta che il ritardo sia attribuibile alle Poste. Possiamo però rassicurare su questo fronte chi ci scrive: l’accredito già caricato sulla carta si riferisce al mese di agosto (e non a quello di settembre con decurtazione della mensilità precedente). L’importo di settembre infatti, come da calendario dei pagamenti, arriverà verso la fine del mese (a partire dal 27 probabilmente). Il timore del lettore nasce probabilmente dal fatto che la normativa prevede la decurtazione del 20% su importi residui non consumati sulla card. Tuttavia questa procedura non è ancora attiva. Nella peggiore delle ipotesi comunque non avrebbe comportato la perdita di un’intera mensilità. A fine settembre troverà sulla card l’importo accredito del mese corrente. Ricordiamo che settembre è un mese cruciale per la misura perché è entrata nel vivo la fase 2 che prevede la convocazione presso i Centri per l’Impiego per la firma del Patto di lavoro.

Argomenti: ,