Congedo straordinario frazionato: è necessaria la residenza per richiederlo?

La residenza con il disabile è necessaria anche nella richiesta del congedo straordinario frazionato?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
permessi-legge-104

Salve,
Vorrei sapere se è necessario avere la stessa residenza con mia madre disabile al 100 per cento per poter usufruire del permesso biennale. Mi spiego, mia madre ha la badante la quale prende due giornate di riposo settimanali, in questi giorni io la sostituisco e mi dedico a mia madre. Posso prendere queste giornate frazionando quindi il biennio?

Il congedo straordinario regolato dalla legge 151 e legato alla legge 104 è fruibile anche in maniera frazionata a giorni interi. Per la richiesta del congedo straordinario, in ogni caso, è richiesto il requisito della coabitazione. Questo può essere soddisfatto o con il cambio di residenza o, se vive in un comune diverso da quella di sua madre, con la dimora temporanea che può richiedere iscrivendosi al registro della popolazione temporanea del comune.

Per rispondere alla sua domanda, quindi, può tranquillamente fruire del congedo biennale per 2 giorni la settimana in maniera frazionata, ma in ogni caso ha bisogno della coabitazione con sua madre che può soddisfare in uno dei due modi che le ho sopra descritto.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Lettere, Quesiti congedo straordinario legge 151, Welfare e previdenza, Legge 104