Congedo straordinario con legge 104 e controlli Inps, di cosa si tratta?

Congedo straordinario legge 151 per assistere il familiare con handicap grave (legge 104 art. 3 comma 3), ci si chiede se è possibile uscire e a quali controlli si è sottoposti.

di , pubblicato il
assistenza familiare legge 104 e part-time

Il congedo straordinario con legge 151 consiste in un congedo di due anni retribuito per assistere il familiare con handicap grave possessore del verbale legge 104 art. 3 comma 3. Per fruire del congedo sono richiesti particolari requisiti, tra questi il diritto di priorità e il requisito di convivenza. In quest’articolo affronteremo il quesito di un nostro lettore sulla possibilità di uscire quando si fruisce del congedo legge 151 e a quali controlli si è soggetti:

Salve avrei bisogno di alcune info.

Sono un dipendente pubblico nella regione V. e mia mamma, che abita in S., ha fatto la visita INPS. Se dovessero riconoscerle art 3 comma 3, ed io volessi usufruire dei due anni di congedo straordinario, avendo la residenza nella sua stessa (di mia madre) abitazione, potrei allontanarmi da casa per andare a fare la spesa? Dovremmo muoverci io e mia madre sempre insieme? Mi hanno parlato di eventuali controlli inps, vorrei capire di cosa si tratterebbe. Grazie per la disponibilità.

Congedo straordinario con legge 104: la sentenza

La sentenza della Cassazione numero 54712/2016, chiarisce il concetto di assistere un familiare con handicap grave con legge 104 art. 3 comma 3. La Corte sui tanti dubbi della continuità nell’assistenza che il lavoratore deve dedicare al familiare disabile (permessi e congedo), stabilisce che lo stesso non ha l’obbligo di restare 24 ore su 24 accanto al familiare disabile. Ma non può nemmeno considerare i permessi o il congedo come ferie e sfruttarli per esigenze personali. Quando si usano i permessi o il congedo per esigenze personali e non per assistere il familiare con legge 104, si commette reato di truffa. La Corte, con questa sentenza, apre un varco a beneficio del lavoratore.

Congedo straordinario con legge 104 e diritto di vita sociale

La sentenza mette in risalto il diritto del dipendente ad un “minimo di vita sociale” oltre le ore di lavoro e assistenza al familiare disabile.

Riassumendo chi fruisce dei permessi o nel caso specifico del congedo straordinario legge 151, può ritagliarsi qualche spazio durante la giornata, tipo fare la spesa, fare quattro passi.

I controlli di cui parla sono dovuti quando ci sono degli abusi e truffa nei confronti dell’ente previdenziale. Fare la spesa, o fare qualche commissione, non fa perdere il diritto alle agevolazioni per la legge 104, viceversa se si usa il permesso o il congedo per andare al mare, ecc… questo è frode.

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]
“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti.
Non si forniscono risposte in privato.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,