Congedo straordinario assistenza disabile, ecco a chi è riconosciuto

Dopo una sentenza della Corte costituzionale, viene esteso il riconoscimento del congedo straordinario Inps per l'assistenza di soggetti disabili anche al parente o affine entro il terzo grado, purchè convivente

di , pubblicato il
Dopo una sentenza della Corte costituzionale, viene esteso il riconoscimento del congedo straordinario Inps per l'assistenza di soggetti disabili anche al parente o affine entro il terzo grado, purchè convivente

Riconosciuto il congedo straordinario dell’Inps per l’assistenza di disabili anche al parente o affine entro il terzo grado, purchè convivente.

Assistenza disabile, congedo straordinario Inps: la sentenza della Corte

 Inclusi nel novero dei soggetti idonei a prendersi cura del disabile grave, in assenza di altri soggetti,  e quindi a fruire del congedo straordinario per l’assistenza al disabile anche il parente o l’affine entro il terzo grado convivente del disabile.

Tale riconoscimento al congedo straordinario deriva da una sentenza della Corte costituzionale, la n. 203 del 3 luglio 2013 che ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 42, comma 5, del d.lgs. n. 151 del 26 marzo 2001 (Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità) proprio quando non il parente o l’affine entro il terzo grado convivente della persona in situazione di disabilità grave, come soggetti idonei a fruire del congedo straordinario Inps.

Congedo straordinario assistenza disabile: che ne fruisce

Si ricorda che il congedo straordinario per l’assistenza al disabile è riconosciuto al familiare o affine entro il terzo grado convivente del disabile in situazione di gravità, in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti degli altri soggetti individuati dalla norma, secondo il seguente ordine di priorità:

  •  il coniuge convivente della persona disabile in situazione di gravità;
  •  il padre o la madre, anche adottivi o affidatari, della persona disabile in situazione di gravità, in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti del coniuge convivente;
  • uno dei figli conviventi della persona disabile in situazione di gravità, nel caso in cui il coniuge convivente ed entrambi i genitori del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti;
  • uno dei fratelli o sorelle conviventi della persona disabile in situazione di gravità nel caso in cui il coniuge convivente, entrambi i genitori ed i figli conviventi del disabile siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti;
  •  un parente o affine entro il terzo grado convivente della persona disabile in situazione di gravità nel caso in cui il coniuge convivente, entrambi i  genitori, i figli conviventi e i fratelli o sorelle conviventi siano mancanti, deceduti o affetti da patologie invalidanti.

 Congedo straordinario assistenza disabile: requisiti per riconoscimento 

 Per poter fruire del congedo Inps, deve mancare al disabile il padre o la madre, intendendo per mancanza la situazione di assenza naturale e giuridica (celibato o stato di figlio naturale non riconosciuto), e ogni altra condizione ad essa giuridicamente assimilabile, continuativa e debitamente certificata dall’autorità giudiziaria o da altra pubblica autorità, quale divorzio, separazione legale o abbandono. Il parente o affine entro il terzo grado a cui può essere riconosciuto il congedo straordinario per l’assistenza del disabile, deve essere convivente con questo, e in tal caso la convivenza sarà accertata d’ufficio previa indicazione da parte dell’interessato della sua residenza anagrafica o dimora temporanea 

 Domanda congedo straordinario assistenza disabile

 La domanda deve essere effettuata esclusivamente in modalità telematica, attraverso uno dei seguenti tre canali:

  •  WEB – servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Istituto – servizio di “Invio OnLine di Domande di Prestazioni a Sostegno del Reddito”;
  • Patronati– attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi;
  • Contact Center Multicanale  – attraverso il numero verde 803164.
Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti:

I commenti sono chiusi.