Confartigianato chiede il riordino dei contributi a fondo perduto

Il quadro attuale dei contributi a fondo perduto previsti a fronte dell’emergenza Covid-19 va rivisto nella Legge di Bilancio 2021

di , pubblicato il
Il quadro attuale dei contributi a fondo perduto previsti a fronte dell’emergenza Covid-19 va rivisto nella Legge di Bilancio 2021

Un nuovo contributo a fondo perduto sulla falsariga di quanto previsto dal Decreto Rilancio ma che superi la logica dei singoli interventi legati a specifiche attività individuate da codici ATECO. E’ la richiesta che Confartigianato è pronta a portare avanti per la Legge di bilancio 2021.

Per Confartigianato, infatti, è non poco confusionario il quadro attuale dei contributi a fondo perduto istituiti dai diversi decreti adottati sino ad oggi dal Governo a sostegno dell’economia del nostro paese per quelle attività interessate da provvedimenti restrittivi a fronte dell’epidemia Covid.19.

“Nonostante le correzioni ottenute, nei provvedimenti del Governo permangono numerose complessità che rendono difficile districarsi nel ginepraio di disposizioni”.

Queste le testuali parole lette nel comunicato stampa pubblicato da Confartigianato sul proprio sito istituzionale.

Il nuovo contributo a fondo perduto va basato su tre criteri

Tre i criteri sui dovrebbe basarsi il nuovo beneficio “unitario” che Confartigianato chiede di inserire nella manovra 2021 da varare da qui a fine anni.

In primis viene chiesto che i destinatari siano tutti i titolari di partita IVA tenendo conto di quanto già corrisposto con il decreto “Ristori” e decreto “Ristori bis”.

In secondo luogo, si dovrebbe intervenire sul requisito del calo di fatturato. In dettaglio si chiede che questi sia determinato con riferimento ai mesi interessati dai nuovi provvedimenti restrittivi (non più solo aprile 2020).

Infine è chiesto che l’ammissione al contributo avvenga solo in presenza di un calo significativo di fatturato rispetto al corrispondente periodo del precedente periodo d’imposta.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,