Confartigianato chiede la proroga immediata del superbonus 110%

Il superbonus 110% va prorogato per almeno altri tre anni per dare indicazioni certe al mercato edilizio ed ai cittadini italiani

di , pubblicato il
Il superbonus 110% va prorogato per almeno altri tre anni per dare indicazioni certe al mercato edilizio ed ai cittadini italiani

Una spinta alla proroga almeno triennale del superbonus 110% arriva anche da Confartigianato, nella persona del presidente Giorgio Merletti. La richiesta è quella di inserirla già ora nella prossima legge di bilancio 2021.

La proroga dei bonus fiscali sulla casa per il 2021

A questo proposito, ricordiamo, che il disegno di legge di bilancio del prossimo anno è stato approvato dal Consiglio dei Ministri nella giornata del 16 novembre 2020 e già contiene la proroga per il 2021 dei seguenti bonus fiscali sulla casa:

  • detrazione al 50% delle spese sostenute per interventi di recupero edilizio (bonus ristrutturazione)
  • detrazione delle spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica (ecobonus)
  • detrazione al 50% delle spese sostenute per l’arredo di immobili ristrutturati (bonus mobili)
  • detrazione con aliquota del 90% delle spese sostenute per le opere di rifacimento delle facciate degli edifici (bonus facciate).
  • detrazione al 36% delle spese sostenute per le opere di sistemazione a verde, coperture a verde e giardini pensili (bonus verde).

La richiesta di Confartigianato per il superbonus 110%

Nella lettera che Merletti ha indirizzato al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e al Ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri, si insiste nel chiedere che il superbonus 110% venga confermato per almeno altri tre anni con un provvedimento da inserire nella Legge di Bilancio. “Altrimenti andrebbe sprecato lo sforzo messo in campo dalle imprese per utilizzarne le grandi opportunità e verrebbe vanificata la possibilità di programmare gli interventi previsti dall’incentivo”.

Ricordiamo che per ora il superbonus 110, previsto con il decreto Rilancio, si applica alle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021. Dunque, la richiesta è quello di estenderlo, almeno fino alle spese dell’anno 2024.

“gli operatori economici e i consumatori hanno bisogno di un quadro stabile di misure che consentano di fornire un’indicazione certa al mercato, nella convinzione che la riqualificazione massiva del nostro patrimonio edilizio costituisca uno degli ambiti strutturali più importanti e urgenti da sostenere nella direzione del green, del risparmio energetico e del contenimento del consumo del suolo”.

Con queste osservazioni si chiude la richiesta di Confartigianato, che ancora una volta si fa portavoce delle richieste avanzate da cittadini ed imprese.

Potrebbero anche interessarti:

Argomenti: ,