Condono liti pendenti: nessuna proroga in vista

Esclusa la riapertura della sanatoria liti pendenti di natura fiscale dal Governo nel corso di un question time

di Redazione InvestireOggi, pubblicato il
Esclusa la riapertura della sanatoria liti pendenti di natura fiscale dal Governo nel corso di un question time

Condono liti pendenti di natura fiscale. Il Governo chiarisce nel corso di un question time che non ci sono intenzioni attuali di riaprire la sanatoria liti pendenti, ossia la definizione agevolata per le liti pendenti di natura fiscale, ocme avvenuto lo scorso anno.

Condono liti pendenti 2011

Gli Onorevoli interroganti nel corso di un’interrogazione parlamentare ieri, 24 ottobre 2012, ricordando come l’art. 39, commi 9 e 12, D.L. n. 98/2011, la manovra correttiva di lugli adottata dall’ex Governo Berlusconi, ha introdotto il nuovo strumento del reclamo e della mediazione per le controversie relative ad atti emessi dall’Agenzia delle Entrate di valore non superiore a 20.000 euro. La stessa manovra ha anche previsto la possibilità di definire le liti pendenti di natura fiscale di importo non superiore a 20.000 euro, pendenti alla data del 31 dicembre 2011. Sulla base di ciò se ne richiede la riapertura.

Condono liti pendenti all’orizzonte? Il Governo la esclude

Nella risposta all’interrogazione parlamentare si legge che l’eventuale estensione del condono liti fiscali complicherebbe, e non poco, gli adempimenti processuali, poiché riaprirebbe i termini processuali e sostanziali già scaduti, trovandosi così in data successiva a quella del 30 giugno 2012 in cui è venuta a cessare la sospensione delle liti e dei termini processuali. Nonostante gli ottimi risultati raggiunti, un nuovo condono liti pendenti di natura fiscale è escluso dal Governo.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Ricorsi e Contenziosi