Concorso Navigator: ecco la graduatoria dei vincitori divisi per provincia

In soli 4 giorni è online la graduatoria dei vincitori del concorso Anpal per la selezione Navigator. Ecco l'elenco. A quando la convocazione presso i centri per l'impiego?

di , pubblicato il
In soli 4 giorni è online la graduatoria dei vincitori del concorso Anpal per la selezione Navigator. Ecco l'elenco. A quando la convocazione presso i centri per l'impiego?

A soli 4 giorni dal test per la selezione dei Navigator è pronto l’elenco dei vincitori idonei, divisi per provincia, che hanno superato il test tenutosi tra il 18 e il 20 giugno presso la Fiera di Roma. Su questo punto Anpal ha voluto premere l’acceleratore. Tuttavia la fase 2 del reddito di cittadinanza arranca. 

Subito dopo il test c’era stato il caos: persone a cui non tornava il risultato tra risposte esatte e punteggio, utenti che, accedendo con le proprie credenziali, visualizzavano il compito di altri candidati. Caos che aveva spinto Anpal a bloccare temporaneamente gli accessi a tutti. In soli 4 giorni poi, inaspettatamente, è arrivata la pubblicazione dei candidati vincitori.

Beneficiari reddito di cittadinanza e fase 2: le offerte di lavoro tardano ad arrivare

I primi richiedenti del reddito di cittadinanza hanno ricevuto il sussidio spettante caricato sulla carta. Tuttavia le convocazioni presso i cpi tardano ad arrivare. La cd fase 2 del piano va a rilento. Diversi i nodi da sciogliere. Prima di tutto il sistema informatico da affidare alle regioni ancora non è pronto. Ai centri per l’impiego infatti è stato consegnato un elenco cartaceo con 6 mila nominativi da contattare. Una lista nero su bianco che non fornisce strumenti per contattare i beneficiari ma che, al massimo, serve ad accogliere e gestire le pratiche di coloro che si presentano in modo spontaneo. Nel frattempo la data del 24 giugno per le convocazioni dei beneficiari del sussidio, che già era un termine prorogato, è stata ulteriormente spostata. Spiega con rammarico l’assessore al Lavoro della Regione Lazio Claudio Di Bernardino: “i centri per l’impiego non sono messi in condizione di fare il proprio lavoro legato all’attuazione della fase due del reddito.

Non c’è un elenco telematico né le informazioni utili per poter chiamare le persone e stipulare il patto per il lavoro”.

Leggi anche:

Reddito di cittadinanza: quando arriveranno le prime offerte di lavoro?

E’ rimasta senza risposta la lettera indirizzata al presidente di Anpal Mimmo Parisi con la quale Cristina Grieco, coordinatrice della Commissione Lavoro della Conferenza delle Regioni e assessore lavoro della Toscana, lo scorso 20 giugno aveva espresso le sue preoccupazioni sui ritardi e aveva chiesto di “fornire con urgenza una comunicazione ufficiale circa gli effettivi tempi di rilascio”. Da Anpal si sono limitati a comunicare che l’iter si trova in una fase transitoria di “staging”: in altre parole i tecnici starebbero  effettuando test per il funzionamento dei sistemi informatici allo scopo “di consentire alle Regioni di fare eventuali test e controlli, in modo da non creare alcun inconveniente”. Il tutto dovrebbe richiedere ancora poche ore. Nel frattempo, ormai da due mesi, molti beneficiari, che stanno incassando un assegno medio di 540 euro medie al mese, non sono sottostanno a nessun tipo di obbligo. E anche i controlli sono limitati.

Sui controlli per il RdC leggi anche:

Solo una famiglia su 4 chiamata ai controlli per il reddito di cittadinanza

Argomenti: ,