Concorso Mibac 2019 per diplomati: bando per 1052 vigilanti, info e scadenze

E' uscito il concorso per 1052 vigilanti del Mibac, per partecipare serve il diploma.

di , pubblicato il
Cambio residenza online, ora è possibile: ecco come e in quali comuni

E’ stato pubblicato in Gazzetta il concorso del Mibac per 1052 posti come vigilanti ossia  “unità di personale non dirigenziale” a tempo indeterminato i quali dovranno vigilare sui musei, parchi, luoghi di interesse artistico del Ministero dei beni culturali. I vigilanti saranno assunti nella II  Area, posizione economica F2 con stipendio di circa 1600 euro mensili lordi. Vediamo chi può partecipare e quali requisiti servono. 

Requisiti e informazioni sul bando

Per partecipare al concorso basta avere il diploma, cittadinanza italiana o Ue, età minima 18 anni, godimento dei diritti civili e politici. Ogni regione ha messo a punto un tot di posti: 

  • Abruzzo                                30
  • Basilicata                              18
  • Calabria                                64
  • Campania                             200
  • Emilia Romagna                  51
  • Friuli Venezia Giulia           7
  • Lazio                                     198
  • Liguria                                  48
  • Lombardia                           77
  • Marche                                 15
  • Molise                                   14
  • Piemonte                             57
  • Puglia                                   36
  • Sardegna                              14
  • Sicilia                                     2
  • Toscana                                155
  • Umbria                                 20
  • Veneto                                  46

Info sulle prove e scadenze

Per quanto riguarda le prove, si tratta di una prova preselettiva con 60 quesiti a risposta multipla, di cui 40 attitudinali per la verifica della capacità logico-deduttiva, di ragionamento logico-matematico, di carattere critico verbale, 20 su Codice dei beni culturali e del paesaggio, patrimonio culturale italiano e normativa sulla sicurezza dei luoghi di lavoro. Oltre a questa sarà accertata la conoscenza della lingua inglese e delle tecnologie informatiche. Sono poi previste una prova scritta incentrata su varie discipline e una prova orale che dovrà approfondire le materie della prova scritta. 

La domanda va inviata tramite il sistema “Step-One 2019”, alla pagina https://www.ripam.cloud entro il 23 settembre 2019. 

Le parole di Alberto Bonisoli

In programma ci sono 5mila assunzioni. A tal proposito Alberto Bonisoli ha dichiarato «Il personale in servizio ha un’età media elevata e i vuoti di organico si sono fatti più vistosi con le possibilità di uscita dal lavoro offerte da “quota 100” e “opzione donna”.

In particolare, l’effetto di “quota 100” sui Beni culturali si sente in modo particolare perché nel 1985 e 1986 sono state assunte 8mila persone, che oggi stanno usufruendo della nuova opportunità di pensionamento».

Leggi anche: Concorso per 159 Funzionari Giustizia Amministrativa, Avvocatura dello Stato e Corte dei Conti: info bando

Argomenti: , ,