Con 41 anni di contributi quali possibilità di pensionamento?

In pensione con 41 anni di contributi, quali sono le alternative a partire dal 2019?

di Patrizia Del Pidio, pubblicato il
pensione anticipata APE

A settembre 2018:
ho 41 anni di contributi versati
ho 58 anni a luglio 2018
faccio il portinaio e pulizie condominiali da 27 anni
ho un artrite da 10 anni richiesto invalidità ma mi è stata rifiutata. Ho richiesto lavoro gravoso rifiutato anche quello.
cosa devo aspettare? cosa posso fare per anticipare la mia pensione grazie per una sua risposta.

 

Purtroppo senza invalidità e senza riconoscimento del lavoro gravoso non può accedere alla quota 41 per i lavoratori precoci. Le alternative che le restano sono due: attendere per vedere se il governo attuerà come promesso la pensione per tutti con 41 o 42 anni di contributi indipendentemente dall’età. In questo caso le consiglio di vedere se ci saranno penalizzazioni e a quanto ammontano prima di aderire, per vedere di quanto potrebbe essere decurtato il suo assegno pensionistico.

La seconda strada è quella della pensione anticipata che dal 1 gennaio 2019 richiederà 43 anni e 3 mesi di contributi per gli uomini e 42 anni e 3 mesi di contributi per le donne. Lei, quindi, fra 2 anni e 3 mesi potrebbe accedere alla pensione anticipata che non prevede penalizzazioni sull’assegno pensionistico (se non teniamo presenti i possibili aumenti dell’età pensionabile che potrebbero scattare dal 2021 di ulteriori 3 mesi se non interviene una normativa a bloccarli).

Se hai domande o dubbi, contattami: [email protected]

“Visto il sempre crescente numero di persone che ci scrivono vi chiediamo di avere pazienza per la risposta, risponderemo a tutti”

 

 

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: News pensioni, Pensioni anticipate