Composizione negoziata della crisi: on line la piattaforma per salvare le aziende

Da ieri è stata attivata la piattaforma per agevolare il confronto impresa-creditori per evitare lo stato di crisi o di insolvenza

di , pubblicato il
Da ieri è stata attivata la piattaforma per agevolare il confronto impresa-creditori  per evitare lo stato di crisi o di insolvenza

Da ieri 15 novembre, è stata attivata la piattaforma che consente alle aziende in crisi, grazie al supporto di un esperto indipendente, di definire accordi con i creditori e gli atri interessati.  Così come previsto dal Dl n. 118/2021, convertito dalla legge n. 147/2021, pubblicata in GU lo scorso 25 ottobre.

Dunque siamo nell’ambito della composizione negoziata della crisi, procedura grazie alla quale è possibile anticipare lo stato di insolvenza dell’impresa, arrivando ad un accordo anticipato con i creditori e gli altri stakeholders interessati.

L’obiettivo e quello di evitare lo stato di insolvenza dell’impresa.

La composizione negoziata della crisi

Grazie all’art.2 del D.L. 118/2021, “Composizione negoziata per la soluzione della crisi d’impresa”, l’imprenditore che in situazione di squilibrio patrimoniale o econonomico-finanziario,  che ne rendono probabile la crisi o l’insolvenza, puo’ chiedere al segretario generale della camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura nel cui ambito territoriale si trova la sede legale dell’impresa la nomina di un esperto indipendente quando risulta ragionevolmente perseguibile il risanamento dell’impresa.

L’intervento dell’esperto è volto ad agevola le trattative tra l’imprenditore, i creditori  ed eventuali altri soggetti interessati, al fine di individuare una soluzione per il superamento delle condizioni di  difficoltà dell’impresa. Anche mediante il trasferimento dell’azienda o di rami di essa.

La piattaforma on line

Per rendere operativa la procedura di composizione negoziata delle aziende in crisi è stata prevista un’apposita piattaforma on line. Accessibile agli imprenditori iscritti nel registro delle imprese attraverso il sito istituzionale di ciascuna camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura.

Sul sito dedicato alla composizione negoziata, appositamente predisposto dall’Unione nazionale delle Camere di commercio, da ieri 15 novembre, è stata attivata la piattaforma in parola.

Accedendo alla piattaforma, l’imprenditore può, fin da subito, procedure con un test per verificare la ragionevole perseguibilità del risanamento.

È un semplice strumento che aiuta a misurare il grado di difficoltà dell’impresa ed eventualmente procedere con maggiore consapevolezza all’invio dell’istanza di nomina dell’Esperto (Fonte portale Composizione negoziata della crisi).

A livello pratico, le fasi attivabile grazie alla piattaforma si susseguono sulla base del seguente ordine:

  • apertura e invio Istanza ( login con identità digitale, allegando i documenti necessari);
  • nomina dell’esperto (La Camera di commercio o la Commissione individueranno il soggetto maggiormente indicato);
  • accettazione Incarico (l’esperto verifica le condizioni per poter accettare l’incarico);
  • conduzione trattative con i creditori e gli altri soggetti interessati.

Gli esperti sono scelti da appositi elenchi tenuti presso la camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di ciascun capoluogo di regione e delle province autonome di Trento e Bolzano. Ad esempio, possono entrare nell’elenco: gli iscritti da almeno cinque anni all’albo dei dottori commercialisti ed esperti contabili; gli iscritti da almeno cinque anni all’albo degli avvocati che documentano di aver maturato precedenti esperienze nel campo della ristrutturazione aziendale e della crisi d’impresa.

Argomenti: , ,